05 nov 2015

Capitolo 92 Il terremoto 1964

Durante i primi quattro mesi del 1964, William Branham parlò a Phoenix, in Arizona, a Bakersfield e Fresno, in California, a Dallas e Beaumont, in Texas, a Denham Springs e Baton Rouge, in Louisiana, a Louisville, nel Mississippi, a Birmingham, nell’Alabama, a Tampa, in Florida e poi tornò nella sua città d’adozione, Tucson, in Arizona. Sia che Bill parlasse a un congresso di uomini d’affari del Pieno Vangelo, o predicasse in una campagna evangelistica, i suoi sermoni erano ormai cosparsi di riferimenti alle cose che aveva appreso durante l’apertura dei 7 sigilli.
Roy Borders ora era in suo manager nelle campagne. Bill invitò Roy ad andare a caccia con lui alla fine di febbraio. Disse che avrebbero cacciato i maiali Javelina e chiese a Roy di invitare chiunque volesse andare con loro. Roy Borders invitò prontamente il suo amico Douglas McHughes, che era il pastore di una chiesa a San Jose, in California. McHughes aveva partecipato ad alcune campagne evangelistiche di Bill. Lo aveva anche aiutato a sponsorizzare una campagna Branham in California, ma non aveva mai incontrato Bill personalmente, così era felice di avere l’opportunità di trascorrere alcuni giorni con lui. McHughes Douglas non riusciva ad immaginare quanto questa battuta di caccia avrebbe cambiato la sua vita.
Il 5 febbraio 1964, a Bakersfield, California, Bill predicò “Dio è l’interprete di Se stesso”. Questo semplice, ma profondo principio può aiutare i cristiani a comprendere tutte le profezie della Bibbia. Illustrò il suo testo con molti esempi, come Isaia 7:14 — Perciò il Signore stesso vi darà un segno: Ecco, la giovane concepirà, partorirà un figliuolo, e gli porrà nome Emmanuele. Studiosi ebrei discussero il significato di questo passo per secoli, ma un giorno una giovane ragazza ebrea rimase incinta senza avere un rapporto sessuale. Nove mesi dopo, chiamò il suo bambino, Gesù. Indipendentemente dalle teorie precedenti, Isaia 7:14 ora era interpretato. Era una profezia compiuta 2000 anni fa. Per un esempio moderno, egli citò Luca 17:28-30, Nello stesso modo che avvenne anche ai giorni di Lot; si mangiava, si beveva, si comprava, si vendeva, si piantava, si edificava;ma nel giorno che Lot uscì di Sodoma piovve dal cielo fuoco e zolfo, che li fece tutti perire. Lo stesso avverrà nel giorno che il Figliuol dell'uomo sarà manifestato. Ovviamente, questa Scrittura si riferisce alla grave malvagità che invaderà il mondo negli ultimi giorni, dimostrata dagli antichi Sodomiti e dalla loro brama di omosessualità. Bill vide al di là di questo evidente riferimento un più profondo significato di questo versetto. Mentre Lot viveva in Sodoma, Abramo viveva su una montagna lontano da quella città malvagia. Un giorno Dio entrò in un corpo umano e visitò Abramo. Mangiarono un pasto insieme e poi Dio disse ad Abramo che per l’anno successivo avrebbe avuto un figlio da sua moglie, Sara. Lei era nella tenda che ascoltava questa conversazione. Poiché aveva 89 anni, pensò che l’Uomo al di fuori stesse scherzando. Dio aveva la schiena verso la tenda di lei, ma Lui conosceva i suoi pensieri. Egli chiese ad Abramo: “Perché Sara ha riso? C’è qualcosa di troppo difficile per il Signore”? Gesù promise che questo scenario si sarebbe ripetuto negli ultimi giorni — Dio si rivela in carne umana. Come può avvenire? Prima dell’avvenimento, la gente può ipotizzare su come potrebbe accadere, ma dopo il fatto, non dovrebbero discutere sull’ interpretazione di Dio della Sua Parola. (Purtroppo, molte persone argomentano con Dio non credendo alla Sua interpretazione). Fin dai tempi di Abramo, non c’è mai stato uno dei principali leader ebraici o cristiani con un nome che finisca in “HAM”. L’evangelista più noto del ventesimo secolo è probabilmente Billy Graham. Notate, Graham ha sei lettere, il numero dell’uomo. (L’uomo è stato creato il sesto giorno.) Abraham ha sette lettere, che è il numero di Dio del completamento.
Verso la fine di questa riunione, William Branham chiese a quelle persone con i biglietti di preghiera di formare una fila alla sua destra. Una donna nella parte davanti di questa fila, venne avanti e si fermò di fronte all’evangelista. Bill disse: “Non conosco questa donna. Mi girerò con le spalle davanti a lei, in modo che non pensiate che stia cercando di leggere sul suo viso, “Lui si
100
allontanò da lei e poi pregò mentre il microfono amplificava la sua preghiera: “Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe, fa sapere stasera che sto dicendo la Verità su di Te. Fa che il tuo servo sia in grado di togliere i propri pensieri di mezzo, affinché Tu possa utilizzare il mio corpo per la Tua gloria. Ti prego nel nome di Gesù, il Figlio di Dio. Amen”. Con il suo corpo ancora girato di schiena alla donna, disse: La signora dietro di me morirà subito se lei non sarà guarita. Ha il cancro al seno e anche nei polmoni. Recentemente, un altro evangelista pregò per lei, ma lei sta lottando, cercando di accettare la sua guarigione per fede. È il ‘Così dice il Signore’”. Si voltò a guardarla.
“È vero, signora”?
Lei rispose: “Sì, è sicuramente vero”.
“Vada, creda e guarirà”.
La persona successiva nella fila di preghiera era una adolescente. Avendo già fatto il punto, non le voltò le spalle, ma chiese: “Credi che Dio è capace di rivelarmi quello che non va”? Lei annuì. Egli disse: “Non sei qui per te — tu sei qui per tuo fratello. È in un ospedale in una città a nord di qui —Tulare, in California. Ha la leucemia e i medici lo hanno dichiarato inguaribile. Non c’è speranza per lui. Tu credi”?
“Sì,” esclamò.
“Prendi quel fazzoletto in mano e appoggialo su tuo fratello. Non dubitare — credi. Amen”.
Bill disse alla platea, “Non ho mai visto questa giovane donna nella mia vita prima di stasera. Come può un uomo fare questo? Egli non può. È il Dio che Gesù Cristo ha promesso che sarebbe stato qui negli ultimi giorni a confermare Se stesso al seme di Abramo, proprio come fece con Abramo prima della distruzione di Sodoma. Seme di Abramo, ricevete il vostro Segno! Non è là fuori in Babilonia, non è là fuori nel mondo denominazionale. È qui tra voi. Voi che non siete in quel caos là fuori, credetelo”!
La sera seguente a Bakersfield (e poi a Tampa, Florida) predicò un sermone che chiamò “Paradosso”. Un paradosso è qualcosa di così incredibile che il buon senso ti dice che non può essere vero; eppure è vero. La Bibbia è piena di paradossi. Per citarne solo alcuni, Bill citò come Giosuè ordinò al sole e alla luna di fermarsi per un giorno, in modo che potesse finire una battaglia importante. Sansone utilizzò una mascella d’asino per uccidere mille filistei. Sansone anche tirò fuori dai loro cardini le porte di una città e le portò su una collina. Un ragazzo di nome Davide uccise un esperto guerriero di nome Golia, anche se Golia era più del doppio della corporatura di Davide.
Poi Bill venne al più grande paradosso di tutti. Egli disse: “È un paradosso, come una donna possa concepire un bambino senza conoscere un uomo. È un paradosso come Dio, l’Eterno che riempie tutti i tempi e l’eternità, possa scendere e diventare un bambino che piange in una mangiatoia. Dio ha creato una cellula di sangue nel grembo di Maria, il Quale era il proprio Figlio, Gesù Cristo. E Dio visse là dentro, identificandosi in Cristo. Che era Dio, l’Emmanuele. Gesù disse: ‘Io e il Padre siamo uno. Mio Padre dimora in me’. Dio in Cristo riconciliando il mondo a Sé. Gesù era il corpo, il tabernacolo, Dio è lo Spirito che viveva in Lui. Fu un paradosso quando morì sulla croce — come Dio si è fatto uomo per poter morire come un essere umano, per riscattare la Sua creazione. Doveva farlo. Non c’era nessun altro che poteva salvarci. Se Gesù non fosse stato Dio, eravamo perduti”.
Bill non finì lì. Continuò con altri paradossi: il battesimo dello Spirito Santo introdotto nella chiesa il giorno di Pentecoste, la morte dell’uomo vecchio (i suoi peccati e le proprie idee) in modo che l’uomo nuovo possa crescere in Cristo e, infine, il rapimento della chiesa (afferrata su per la cena delle nozze.) Tra questi paradossi, incluse il proprio ministero delle visioni, del discernimento, delle guarigioni, dei miracoli e della profezia.
Poiché Douglas McHughes stava perdendo la vista per una malattia incurabile, chiese a suo fratello Glenn di portarlo in Arizona. Prima di partire, la loro madre mostrò alcuni tumori che gli
101
crescevano tra le dita dei piedi e chiese: “Se avete la possibilità, chiedete al fratello Branham di pregare per me che Dio rimuova questi tumori”?
Douglas disse: “Mamma, io sono determinato a non disturbare il fratello Branham con i nostri problemi. So che va nel deserto per rilassarsi dalle pressioni dei suoi meeting, per cui non voglio dire nulla o fare nulla che possa intromettersi nella sua vita privata”.
Giovedi 27 febbraio, 1964, più di una dozzina di uomini erano riuniti al campeggio invernale dove abitualmente Bill andava sul Sunset Mountain a nord-est di Tucson. Bill conosceva già la maggior parte di questi uomini — come Roy Roberson, Banks Wood, Wallace MacAnally, e Roy Borders. Alcuni di questi uomini li aveva incontrati quella mattina, compreso Douglas McHughes, che non aveva mai incontrato prima. Dopo più di un’ora passata per il montaggio del campo, si divisero in piccoli gruppi di cacciatori e si diressero a piedi in direzioni diverse. Quella sera erano seduti su sedie pieghevoli attorno al fuoco ad ascoltare Bill che raccontava loro a riguardo dei sette angeli che aveva incontrato lo scorso anno su questa stessa montagna. C’era molta legna di mesquite per alimentare il fuoco. Il fuoco ardeva vicino alla base di una grande roccia che sporgeva dal fondo di ghiaia del canyon. Dieci o dodici metri dietro questa roccia, la parete del canyon saliva a circa 50 metri di altezza. La scogliera era formata da roccia di arenaria, a strati rosa cosparsi di ciottoli inseriti. La scogliera formava un ampio semicerchio attorno ai campeggiatori. Praticamente il loro accampamento era nascosto in un angolo della parete rocciosa, come una sorta di fossa nel canyon.
Il sabato Bill prese Banks Wood come suo compagno di caccia. Andarono nella stessa direzione nella quale Bill era andato l’anno prima, quando si era incontrato con i sette angeli. Mentre erano in escursione lungo un ripido pendio di una montagna, Bill si guardò indietro e notò che Banks aveva il viso rosso. Chiedendosi se la salita fosse troppo faticosa per il suo amico, Bill si fermò e attese che lo raggiungesse, poi chiese a Banks come si sentisse.
Banks rispose: “Posso salire benissimo questa collina, ma io sono preoccupato per mia moglie. Quando sono uscito di casa, era malata”.
Bill si girò di nuovo verso il sentiero. Prima che potesse fare un altro passo, sentì la presenza dell’angelo del Signore e udì una voce dire: “Prendi quella roccia e gettala in aria”. Si curvò afferrò un sasso della dimensione di un pugno vicino al suo piede e roteando il braccio gettò la pietra verso l’alto. Quando tornò giù, disse: “Così dice il Signore, ‘Qualcosa di grande accadrà’”.
Banks chiese: “Che cosa c’è, fratello Branham? Vuol dire che mia moglie guarirà?
“Non lo so esattamente, ma so che entro 24 ore vedrai la gloria di Dio”.
Sabato sera, non tutti i cacciatori avevano preso un maiale Javelina. Eppure, nessuno voleva cacciare il giorno successivo. Domenica mattina, 1 marzo 1964, l’alba spuntò fredda e chiara, senza un filo di vento che agitasse le foglie dei mesquite intorno al campo. Ormai il sole era ad arco sopra il ciglio della parete del canyon, la giornata era confortevolmente calda. Dopo la prima colazione tutti iniziarono a smontare il campo. Nessuno sembrava avere fretta di andarsene. Douglas McHughes tirò fuori la sua cinepresa da 8mm e riprese l’attività, appoggiando il gomito sul cofano del pick-up di Banks Wood per stabilizzare la sua macchina fotografica. Non lontano Bill sedeva su una sedia pieghevole, portava gli occhiali da lettura con il fucile sul suo grembo. Con un cacciavite regolava le staffe di montaggio del binocolo del fucile. Improvvisamente si alzò e disse: “Fratello McHughes, vuoi venire qui per un minuto”?
Sorpreso da questo richiamo, Douglas McHughes spense la sua macchina fotografica e si avvicinò al punto in cui Bill sedeva. Bill disse: “Tua madre vive in California. Lei è circa della mia stessa età, e ha qualcosa che non va con i piedi. Ha dei tumori tra le dita dei piedi e lei è prenotata per rimuoverli chirurgicamente. Fratello McHughes, è il così dice il Signore, ‘Lei non farà quell’operazione”.
Tutti nel campo avevano smesso di fare quello che stavano facendo e ora stavano ascoltando Bill. Continò: “Vedo un medico di robusta corporatura che controlla i tuoi occhi. Sento che dice che tu hai un’infezione virale in essi. Egli sta curandoli da due anni e ora non può fare altro per te. Dice che stai per perdere la vista, ma è il ‘così dice il Signore’,Non perderai la vista”’.
102
In un tale peculiare momento come questo, uno dei cacciatori scelse questo istante per soffiare nel suo richiamo per conigli. Il rumore stridulo echeggiò dalla parete del canyon dietro di loro. Bill sfilò dal taschino della sua camicia il proprio richiamo per conigli, soffiò in esso a pieni polmoni. Poi schiaffeggiò la gamba e rise, alleviando la tensione che aveva impedito a tutti di muoversi. I campeggiatori tornarono alle loro attività. Billy Paul stava rimovendo i paletti della sua tenda. Bill Posò il fucile, prese un badile e si diresse verso il fuoco del bivacco. Dopo aver sparso una pala piena di terra sulle braci quasi spente, lasciò cadere la pala e disse a Roy Roberson, “Qualcosa sta per accadere. Non essere eccitato o spaventato. Tirati in parte dalla strada, veloce”.
Come Roy Roberson si tolse velocemente da quel luogo, uno stridente suono fece si che tutti guardassero in alto. Bill si tolse il cappello e lo tenne stretto fra le mani. Un vortice di vento scese giù nel canyon. Senza toccare il fondo del canyon, si fermò a pochi metri sopra la testa di Bill, tagliò via le cime degli alberi mesquite più vicini. Con un rimbombo che sembrava un tuono, il vortice salì sopra il canyon, poi scese di nuovo, questa volta più vicino alla parete del canyon. La rupe di arenaria esplose ricoprendo il campo di polvere e pietre di piccole dimensioni. Una terza volta il turbine salì e discese; e poi salì verso il cielo in alto, producendo un suono come un tuono, mentre lasciava la terra.
Quando la polvere si posò, Bill alzò lo sguardo verso la parete del canyon. La tromba d’aria aveva rimosso una parte della scogliera di circa un metro e mezzo di profondità, 6 metri di larghezza e 12 metri di altezza, esponendo lo strato rosa chiaro dell’arenaria sottostante non erosa. Bill rimise il cappello da cowboy sulla testa, si chinò e raccolse i piatti di carta, i tovaglioli ed altri oggetti leggeri che la tromba d’aria aveva disperso per tutto il campo. Gli altri uomini lo aiutarono. Mentre Bill era affaccendato, notò che tutte le rocce precipitate giù dalla parete di arenaria erano di forma triangolare, come piramidi a tre lati. Dopo che il campo fu pulito, prese il suo fucile calibro 22 e se ne andò a fare una passeggiata. Quando tornò, appoggiò il fucile contro un albero di mesquite, e poi si avvicinò a Douglas McHughes, che era in piedi accanto al fuoco spento vicino alla grande roccia. Dando una gomitatina amichevole nelle costole di McHughes, chiese: “Come ti senti con quegli occhi ora”?
“Fratello Branham, hanno smesso di farmi male e per la prima volta in questo viaggio non ho bisogno di mettere i miei occhiali da sole”.
Bill annuì, consapevolmente. “Quando stavo parlando con te di tua madre, sai come ho capito quei particolari”?
“Non proprio”.
“Ho visto tua madre, seduta accanto a te. La vidi tirare fuori le calze e mostrarti i tumori tra le dita dei piedi. Sentii dire: ‘Se hai la possibilità, chiedi al fratello Branham di pregare per me.’ Subito dopo, l’angelo del Signore si presentò tra te e me e disse: ‘separati da questi uomini. Ho qualcosa da dirti”’.
Roy Roberson si trovava nelle vicinanze, ascoltando. Chiese: “Che cosa è, fratello Branham? Cosa ti disse il Signore”?
“Quel vortice era un segno profetico del giudizio di Dio contro l’America. Molto presto un terremoto colpirà la costa occidentale. Questo sarà solo l’inizio”.
Ventisette giorni dopo, successe proprio come era stato profetizzato. Il Venerdì, 27 marzo 1964, un violento terremoto colpì l’Alaska alle 5:36 del pomeriggio. Con una magnitudo di 9,2 della scala Richter, fu il più forte terremoto che abbia mai colpito il Nord America. Per molti minuti un equivalente della forza di migliaia di bombe atomiche scosse la costa meridionale dell’Alaska. L’epicentro era stato localizzato a 75 miglia (120 chilometri) sud-est di Anchorage, vicino alle rive del Prince William Sound. L’onda d’urto attraversò la terra a migliaia di chilometri l’ora, spaccando, sobbalzando, e frantumando la terra in un arco di 800 km portando distruzione. Pezzi di autostrade innalzate o sprofondate fino a 10 metri. Case spezzate, alcune sprofondate in mare. Questo terremoto danneggiò o distrusse 30 quartieri del centro di Anchorage nel distretto del commercio. Le montagne scaricarono il loro ghiaccio e neve in poderose valanghe. Poi arrivò lo tsunami — l’onda killer. Quando il fondo dell’oceano si alzava e si abbassava, inviava onde
103
gigantesche che si infrangevano sulla riva, fino al sud dell’oceano Pacifico. Queste onde distrussero centinaia di barche da pesca nei porti dell’Alaska. Alcune barche furono gettate nell’entroterra e frantumate contro le rocce e gli alberi, o lasciate intatte nelle strade cittadine; altre imbarcazioni furono buttate in mare e non furono mai più riviste. Considerando la devastazione che questo terremoto produsse, relativamente poche persone morirono, ciò dovuto in gran parte all’orario in cui il terremoto colpì. (Alle 5:36 del pomeriggio la maggior parte delle persone era nelle loro case.) Su una popolazione di 200.000 persone nel 1964, soli 15 abitanti dell’Alaska morirono per il terremoto, e altri 110 morirono per lo tsunami che ne derivò. Al contrario, il danno fu enorme, stimato in 311 milioni di $ (dollari del 1964). Per mettere questo valore in prospettiva, il manifatturato agricolo e delle industrie minerarie dell’Alaska sommato assieme, incassò nel 1964, solo 67 milioni di dollari.
Questo terremoto ebbe luogo il venerdì prima di Pasqua, un giorno a cui i cristiani si riferiscono spesso come il Venerdì Santo. È ironico (o profetico) che in un pomeriggio di Venerdì, 1.931 anni prima, il Re dei Re fu crocifisso. Matteo ci ha detto che nell’ora in cui Gesù morì: “…la terra tremò, e le rocce si schiantarono”. Tre giorni dopo, Gesù vinse la morte, passando la Sua vittoria ai Suoi fedeli (da qui il nome di ‘Good’ Friday, Venerdì Santo.)
Per tutto il 1964 William Branham predicò ripetutamente su due temi principali, quasi come un’ossessione. Per tutto il Nord America insegnò alla gente chi Gesù era ed è, e come potrebbero riconoscere la Sua presenza. Da quando egli predicò “Cristo è il mistero di Dio rivelato”, il suo tema principale divenne la rivelazione di Gesù Cristo — che Gesù era Dio in carne, e ora è Dio nello Spirito, presente tra noi. Il suo secondo tema era questo — Dio annuncia sempre un passaggio importante della storia attraverso un profeta, e ci sarà sempre una minoranza di cristiani che lo riconoscono e agiranno in modo appropriato. William Branham credeva di vivere in un periodo transitorio in cui la settima epoca della chiesa stava per finire. Non sapeva quanto tempo fosse ancora lasciato per i gentili, ma credeva che nel momento in cui la chiesa è presa su per la cena delle nozze, l’epoca dei gentili sarebbe finita e allora Gesù Cristo si rivela agli ebrei in Israele.
Nel 1964 Bill predicò su questi due grandi temi, dalla California alla Florida. Oltre due dozzine di volte parlò della natura divina di Gesù Cristo, nei sermoni con titoli come: “Quando i loro occhi furono aperti” (riferendosi ai due uomini che camminavano verso Emmaus con Gesù dopo la Sua risurrezione), “Gesù venne e chiamò” ( sulla risurrezione di Lazzaro al comando di Gesù), “Più grande di Salomone” (confrontando il re Salomone e Gesù), “Testimonianza sul mare” (dove i discepoli di Gesù si confrontavano rispetto a ciò che avevano visto e udito) “Dio identifica Se stesso dalle Sue caratteristiche”, “L’identificato Cristo di tutte le epoche”, “La presenza di Dio non riconosciuta”, “Chi è Gesù”? “Il potente Dio svelato”e “L’identificato Capolavoro di Dio”. Cosparse il suo secondo importante tema in molti di questi sermoni, ma a volte lo mise in risalto nei sermoni con titoli come: “La Voce del Segno” e “Segni scritturali del tempo”.
Nella “Voce del Segno”, mostrò come Dio rivendica i Suoi profeti con segni soprannaturali, ma ogni segno ha anche una voce dietro di esso. Il segno soprannaturale cattura lo sguardo, richiama l’attenzione e ispira soggezione. Ma è la voce dietro il segno che è la parte più importante, perché quella voce dà la Parola di Dio e quella Parola, se creduta, porta la vita eterna per il credente. Per fare un esempio, usò il fariseo ebreo di nome Saulo di Tarso. In origine, Saulo era contro Cristo. Saulo era in viaggio per Damasco per arrestare i cristiani, quando vide una Luce soprannaturale nel cielo. Quello attirò la sua attenzione, ma se questa fosse stata tutta la sua esperienza, egli non avrebbe saputo cosa significasse. Una voce parlò da quella Luce e disse: “Saulo, Saulo, perché Mi perseguiti”? Saulo disse: “Chi sei, Signore”? La voce disse: “Io sono Gesù che tu perseguiti”. Quelle parole cambiarono la vita di Saulo, e Saulo (L’apostolo Paolo) cambiò il corso della storia. A motivo di quella voce, Saulo / Paolo riconobbe il suo giorno e il suo messaggio, e così diventò il perno profetico per la prima epoca della chiesa. Bill ripetutamente rimarcava il suo secondo tema, che ogni segno soprannaturale ha una voce dietro di esso. Quella voce è il messaggio di Dio per quella determinata ora, in linea con il Suo tempo profetico. Malachia 4:5 e 6 promise che negli
104
ultimi giorni avrebbe restaurato la fede originale. Nel corso degli ultimi 1900 anni la chiesa aveva deviato dalla Bibbia in molti credi e in molte idee non scritturali. Il messaggio di questo momento è: ritornate alla Parola di Dio.
Nel giugno del 1964, dopo che i figli avevano terminato la scuola, Bill portò di nuovo la sua famiglia a Jeffersonville per l’estate. La sua predicazione al Tabernacolo Branham, continuò a concentrarsi sul suo duplice tema, spiegandolo in maniera più dettagliata per mezzo di sermoni come “L’Iddio svelato”, e “Riconoscendo il tuo giorno e il suo messaggio”.
Bill programmò una settimana di riunioni speciali per la metà di luglio e prefissò di predicare per sette sere sui misteri nascosti nelle sette trombe di Apocalisse 8, 9 e 11. Pensava di prendere una tromba ogni sera, allo stesso modo che fece quando predicò i 7 sigilli, aspettando che Dio gli rivelasse ogni tromba quando sarebbe arrivato ad esse. Mentre si preparava per questi incontri con lo studio e la preghiera, lo Spirito Santo lo avvertì di non indagare troppo in profondità le trombe. Obbediente, cancellò queste speciali riunioni. La mattina di domenica 19 luglio, parlando al Tabernacolo Branham spiegò perché un sermone lo aveva intitolato: “La festa delle Trombe”.
Nell’Antico Testamento, la festa delle Trombe era la quinta delle sette feste che adornavano l’anno ebraico. Esse in ordine sono: della Pasqua, del Pane azzimo, delle Primizie, delle Settimane (Pentecoste), delle Trombe, dell’Espiazione, e dei Tabernacoli. Ogni festa celebrava qualche aspetto della vita religiosa ebraica, ma (guardando più in profondità), ogni festa in realtà simboleggiava alcuni aspetti della vita di Gesù Cristo. La Festa delle Trombe veniva alla fine di settembre o alla prima parte del mese di ottobre (a seconda della fase della luna), e veniva seguita dal Giorno dell’Espiazione nove giorni dopo. Durante la Festa delle Trombe, il popolo d’Israele riposava, suonando le trombe e offrendo sacrifici, cercando il favore di Dio. Bill insegnò che lo scopo della Festa delle Trombe era quello di chiamare gli ebrei al loro giorno dell’Espiazione. Poi mise questo fatto nel contesto del piano generale della salvezza. Gli ebrei respinsero il loro Messia, quando Egli camminava in mezzo a loro sulla terra. Questo ha dato l’opportunità ai gentili di essere salvati. Tuttavia, il giorno si avvicina rapidamente quando i 144.000 ebrei riconosceranno il loro errore. Dio userà i due testimoni di Apocalisse 11 per compiere questo miracolo. Questi due uomini, tra le altre cose, rivelano i misteri nascosti nelle sette trombe di Apocalisse 8, 9 e 11 — e quando lo faranno, Gesù Cristo si rivelerà al resto ebraico. Pertanto, la rivelazione delle sette trombe chiamerà l’odierno Israele al loro vero giorno di espiazione. Per dirla in altro modo, le sette trombe sono per gli ebrei quello che i 7 sigilli sono per i gentili — la rivelazione finale illuminante di Gesù Cristo. Bill disse che questo è il motivo per cui non poteva spiegare meglio le sette trombe. Non si applicano alla chiesa Gentile per niente. Esse sono destinate al rimanente ebraico, in modo che solo loro possono beneficiare della rivelazione di quei sette misteri.
Nel suo sermone “Il capolavoro” predicato il 5 luglio 1964, Bill descrisse la statua di Mosè scolpita da Michelangelo. Michelangelo iniziò questo progetto nel 1505 e lo completò 40 anni più tardi. Iniziò come un pensiero nella mente dello scultore e si concluse con una statua di marmo di una tale ricchezza di particolari, come il rigonfiamento dei tendini sul dorso delle mani di Mosè. Quando Michelangelo ebbe cesellato l’ultimo ricciolo del suo capolavoro, in un impeto di ispirazione colpì Mosè sulla coscia e gridò: “Parla”! Un pezzo di marmo volò via dalla sua statua, lasciando un difetto. Bill disse: “A mio modo di pensare, il difetto è ciò che lo rende un capolavoro”. Usò questa storia come struttura per le sue fondamenta, adoperando esempi concreti dalla Bibbia. Anche Dio previde un’opera d’arte. Egli creò un universo di atomi e molecole, nebulose e stelle, e poi ha fatto pianeti, tra cui la terra, dove Egli ha creato gli animali e le piante, la progettazione di un bellissimo giardino. Infine creò un uomo, Adamo, che fu il primo capolavoro di Dio. Poi, su propria ispirazione, Dio colpì il fianco di Adamo e rimosse una costola che usò per fare una sposa per il suo primo figlio. Questa donna fu il difetto nel primo capolavoro di Dio, l’incrinatura che permise alla morte d’entrare nel mondo. Ma aspettate — fu per uno scopo... Quattromila anni dopo nacque Gesù Cristo. Era un figlio perfetto — il capolavoro finale di Dio. Trentatre anni dopo, Dio disse a Pietro, Giacomo e Giovanni, “Questo è il mio figlio diletto. Quando parla, ascoltatelo” Poco tempo dopo, Dio colpì il suo capolavoro, consentendo a Gesù di
105
morire sulla croce, realizzando così la profezia: “E, nondimeno, eran le nostre malattie ch'egli portava, erano i nostri dolori quelli di cui s'era caricato; e noi lo reputavamo colpito, battuto da Dio, ed umiliato! Ma egli è stato trafitto a motivo delle nostre trasgressioni, fiaccato a motivo delle nostre iniquità; il castigo, per cui abbiam pace, è stato su lui, e per le sue lividure noi abbiamo avuto guarigione. Noi tutti eravamo erranti come pecore, ognuno di noi seguiva la sua propria via; e l'Eterno ha fatto cader su lui l'iniquità di noi tutti”. Quando Gesù risuscitò dai morti, Egli è venuto sulla terra in forma di Spirito per raccogliere una sposa di tutte le 7 epoche della chiesa. La sposa di Cristo è il difetto che rende l’opera d’arte di Dio, un capolavoro. Un giorno vicino, il grande Scultore riparerà quel pezzo caduto dalla Sua perfetta creazione. Poi lo Sposo e la sposa torneranno in un mondo perfetto, letteralmente come era nel giardino di Eden.
Bill ampliò questo tema il 5 dicembre 1964. Nel suo sermone “Identificato nel Capolavoro di Dio”, disse: “La nostra esperienza non si identifica con qualche credo, qualche dogma, qualche chiesa denominazionale, ma si riconosce nella Parola di Dio, Gesù Cristo. Gesù era così perfetto, ispirò lo Scultore a colpirLo sul Calvario. Ecco il vero capolavoro. Quando Michelangelo colpì la sua statua di Mosè, quello era solo un esempio. Se Gesù avesse vissuto una buona vita, Lui sarebbe stato come alcune di queste persone che predicano oggi un vangelo mondano. Gesù era un profeta, ma era più che un profeta. Egli era Dio. Era l’Emanuele. Quando Dio colpì suo Figlio sul Calvario, Quello è ciò che fa di Lui un capolavoro per me e per voi. Se non fosse stato colpito, non avrebbe importanza quante persone morte fece risorgere, o quanto Egli avesse predicato. Era l’unico uomo sulla terra il quale Dio potesse colpire per il resto di loro. L’Uomo perfetto è stato colpito per quelli imperfetti. L’intera creazione che era caduta attraverso Adamo era stata redenta per mezzo di Gesù Cristo.
“Il Capolavoro di Dio superò la prova. Come lo ha fatto? Lo ha fatto con la Parola, dicendo: ‘Sta scritto: l’uomo non vivrà di solo pane, ma di ogni Parola che esce dalla bocca di Dio’. Oh, amico cristiano, indossa l’armatura di Dio. Non stare indietro con qualche piccola idea di qualche credo, o qualcosa che sostieni. Rivestiti della completa armatura di Dio quando vai a combattere contro il nemico, come fece il nostro Signore. Egli mostrò come il più debole cristiano può sconfiggere satana semplicemente utilizzando la Parola. Gesù aveva poteri. Avrebbe potuto sconfiggere satana nel modo che voleva. Ma Egli non lo usò. Egli semplicemente prese la Parola e sconfisse satana con Essa. Gesù disse: ‘È scritto’: ‘È scritto:’ dappertutto, ‘È scritto’. ‘Così sconfisse satana con la Parola di Dio”.
Il 2 agosto 1964, Bill predicò “La futura dimora dello Sposo celeste e della sposa terrestre”. Mostrò come la futura dimora della sposa, non sarà come una terra dei sogni nel cielo: sarà proprio qui sulla terra, anche se non ci saranno spine, o continenti tormentati dalle zanzare come conosciamo oggi. Piuttosto, sarà una terra purificata, bruciata e ripiantata all’immagine del giardino originale in Eden. Così come ci sono tre fasi per la salvezza di una persona, di conseguenza ci sono tre fasi per la salvezza della terra. La prima fase della salvezza di un uomo è quando si pente ed è battezzato in acqua. Nella seconda fase si è santificato quando vive la sua vita in obbedienza alla Parola di Dio. Infine, il battesimo dello Spirito Santo, lo riempie con il fuoco dello Spirito di Dio, facendo di lui una nuova creazione in Cristo Gesù. Ora è nato di nuovo, e lui prende la natura del suo Genitore celeste. Allo stesso modo, la terra ha tre fasi per la sua redenzione. Ha ricevuto il suo battesimo nei giorni di Noè, quando il diluvio la coprì completamente. È stata santificata quando il sangue di Gesù, la Parola vivente, gocciolava sul suo suolo. Presto la terra riceverà il battesimo del fuoco dopo la Grande Tribolazione. Allora lo Spirito di Dio dimorerà su questo mondo per mille anni di pace e prosperità.
Bill illustrò inoltre la città santa di Dio che Giovanni vide scendere dal cielo sulla terra. Giovanni disse che questa città non aveva bisogno di alcuna fonte esterna di luce, perché la gloria di Gesù Cristo era la sua luce. L’unico modo che potrebbe rendere questo possibile è che la città santa sia a forma di piramide, con il trono di Dio al suo apice. Gesù Cristo sarà letteralmente la Pietra della vetta della piramide, adempiendo il Salmo 118:22 e 23: La pietra che gli edificatori avevano rigettata è divenuta la pietra angolare. Questa è opera dell'Eterno, è cosa maravigliosa agli occhi
nostri. e Zaccaria 4:7: ... ed egli porterà innanzi la pietra della vetta, in mezzo alle grida di: Grazia, grazia su di lei!