06 nov 2015

Capitolo 55 Il paradosso Hall 1951

A motivo che il suo ministero lo portava a viaggiare ogni volta per settimane, quando William
Branham tornava a casa dalle campagne c'erano sempre un sacco di notizie da condividere. Meda fu
entusiasta di sapere che la data per le prossime campagne in Sud Africa era stata fissata. Egli sarebbe
dovuto partire in aereo da New York in data 1 ottobre 1951.
Bill nutriva un misto d’emozioni riguardo al viaggio. Una parte di lui condivideva l’eccitazione
di Meda. Questa sarebbe stata la seconda volta che lasciava il nord America. Nella primavera del 1950
le sue campagne di guarigione in Scandinavia avevano attirato grandi folle e avevano ispirato miracoli
sbalorditivi, tra cui quello di un ragazzo finlandese, morto da una mezz’ora, il quale ricevette di nuovo
la sua vita per la potenza di Gesù Cristo. Bill si attendeva simili risultati in Sud Africa, perché Dio gli
aveva specificatamente detto di andare lì.
Nel gennaio del 1950, mentre Bill teneva una campagna a Houston, in Texas, aveva ricevuto
una lettera da Florence Nightingale Shirlaw nella quale lo implorava d’andare a Durban, in Sud Africa
e di pregare per lei. Un cancro allo stomaco la stava facendo lentamente morire di fame. Insieme con la
sua lettera, Miss Shirlaw incluse un biglietto aereo e un’immagine di se stessa, che mostrava una donna
così scarna che sembrava una mummia egiziana. Bill era dispiaciuto di non poter andare da lei. Era
impossibile, perché stava per partire per le campagne in Scandinavia. La sua fotografia lo impietosì
tanto che pregò: “Dio, se vuoi che io vada in Sud Africa, allora per favore guarisci questa donna”. “Con
sorpresa di Bill, Florence Shirlaw noleggiò un aereo privato e volò in Inghilterra per incontrarlo. Lì, in
una nebbiosa mattina dell’aprile del 1950, Dio la guarì miracolosamente. Di conseguenza, Bill si rese
conto che Dio voleva che andasse a Durban in Sud Africa e si aspettava che Dio facesse grandi cose in
quel paese.
Allo stesso tempo era in apprensione. L’autunno scorso, in Shreveport, Louisiana, lo Spirito
Santo scese su di lui e profetizzò che satana stava preparandogli una trappola in Sud Africa. Bill si
domandava che tipo di trappola poteva essere. Con la sua immaginazione pensava a stregoni che
sfidavano la potenza di Gesù Cristo. Ciò non gli sembrava molto una trappola. C’era un altro tipo di
trappola che l’aspettava in Africa, una che non poteva immaginare? Pensandoci si sentiva a disagio.
Insieme con le buone notizie, Meda aveva una cattiva notizia da dargli: l’amico di Bill, William
Hall stava morendo.
“Sicuramente non il fratello Hall”, disse Bill sorpreso. William Hall era stato il suo primo
convertito in una campagna di risveglio che aveva tenuto a Milltown, Indiana, undici anni prima. Più
tardi, l’uomo divenne pastore della Chiesa Battista di Milltown.
“Sì”, disse Meda. “Ha un cancro al fegato. Il dottor Dillman ha detto che non potrà vivere molto
a lungo. Lo hanno portato a New Albany e giace a casa di sua sorella. Egli ti sta chiamando”.
“Bene, andiamo su ora a vederlo”.
Quando arrivarono alla casa, Bill si spaventò nel vedere come il suo amico appariva magro e
spaventoso. La pelle dell’uomo era diventata arancione come una zucca. Bill chiese: “Cosa succede,
fratello Hall”?
William Hall faticò a parlare. “Fratello Branham, i medici hanno fatto tutto quello che hanno
potuto. Io penso che per me sia arrivata la fine, se Dio non fa un miracolo”.
Bill pregò per il suo vecchio amico. Quando Bill e Meda stavano per partire, la signora Hall li
accompagnò fuori casa. Lei chiese: “Fratello Branham, non c’è qualcos’altro che puoi fare”?
“Mi dispiace, sorella Hall, ma l’unica cosa che posso fare è di pregare”. Lei guardò nel vuoto e
sospirò: “Forse c’è un altro medico”...
20
“I medici in un certo senso sono come i ministri”, disse Bill. “Bisogna avere fiducia in loro o
non sono in grado di aiutarvi. Certo, c’è il mio buon amico, il dottor Sam Adair. Per quanto possa fare
la scienza medica, credo che sia il migliore”.
La signora Hall portò i suoi occhi di nuovo su Bill. “Mi chiedo se il vostro amico Adair vorrà
esaminare mio marito”.
Bill disse: “Glielo chiederò”.
Quando Bill lo chiamò, il dottor Adair rispose: “Billy, andrò giù all’ospedale e leggerò la
relazione del laboratorio. Loro mi diranno quello che ho bisogno di sapere”. Più tardi quella mattina, il
dottor Adair richiamò. “Ho letto le relazioni del laboratorio. L’uomo ha un cancro al fegato. Questo
tipo di cancro è incurabile e non operabile. Lui morirà”.
“Non c’è lì uno specialista al quale puoi inviarlo”? Chiese Bill.
“Beh, potremmo inviarlo al dottor Able a Louisville. Egli è uno dei migliori specialisti per il
cancro, nel paese”.
Tentando il tutto per tutto, la signora Hall noleggiò un’ambulanza per portare il marito dall’altra
parte del fiume Ohio alla clinica del dottor Able.
Quella sera, un altro amico di lunga data, il pastore Johnson della Chiesa Metodista di Main
Street a New Albany, telefonò a Bill per chiedergli un favore. "Fratello Branham, vorresti tenere un
servizio o due per me? Sarei molto felice se tu lo facessi. "Non voglio pregare per i malati, fratello
Johnson. Quando sono a casa cerco di rilassarmi e tenermi lontano, perché quando arriva il
discernimento esso mi esaurisce.
“Vieni a predicare per me allora. Almeno dammi una sera. Prometto che non ti chiederò di
pregare per i malati”.
“Va bene, fratello Johnson. Quale sera vuoi che venga?
“Mercoledì sera sarebbe perfetto”.
Poiché il reverendo Johnson pubblicizzò questa riunione il mercoledì mattina nella sua
trasmissione radiofonica, la sera oltre 500 persone affollavano la chiesa Methodist Church Main Street,
ed altrettanti rimasero al di fuori desiderando di poter entrare. A motivo che le finestre della chiesa
erano posizionate troppo in alto per permettere alla gente di vedere dentro, un diacono collocò degli
altoparlanti sulle finestre in modo che potessero almeno ascoltare il sermone. Quando Bill arrivò alla
chiesa, la folla sul marciapiede era così numerosa che non poté arrivare alla porta. Un diacono lo
diresse in un vicolo dietro l’edificio, dove un altro uomo lo raggiunse sporgendosi giù da una finestra
aperta, afferrò Bill per i polsi, e lo sollevò dentro.
Mentre quella sera stava predicando, Bill disse: “Voi non andate all’inferno perché vi ubriacate.
Non andate all’inferno, perché fumate sigarette o masticate tabacco. Non andate all’inferno perché
mentite, imbrogliate o rubate. Non andate all’inferno perché commettete adulterio”…
Improvvisamente una madre metodista saltò in piedi e lo interruppe. “Reverendo Branham, mi
dispiace. Questi sono peccati! Se non va all’inferno per quelle cose, per quali cose andrà allora”?
“Lei va all’inferno perché non crede alla Parola di Dio. L’unica cosa che Dio condanna, è il
peccato d’incredulità. Queste altre cose sono solo attributi del peccato. Lei le fa, perché non crede. La
cosa strana è, che uno può sedere in chiesa tutta la vita e ancora non credere alla Parola di Dio! La
Bibbia dice che chi crede in Gesù Cristo e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crede è già
condannato! Gesù disse: “Chi ascolta la mia Parola e crede a Colui che mi ha mandato, ha vita eterna;
e non viene in giudizio”. “Se veramente credete che Gesù Cristo è il Figlio di Dio, voi non vivrete più
la stessa vita peccaminosa che avete vissuto prima di incontrarLo”.
Dopo aver terminato il servizio, il reverendo Johnson disse: “Fratello Branham, so che ho
promesso di non chiedervi di pregare per gli ammalati, ma c’è qui una maestra della scuola domenicale
che ha bisogno d’aiuto. E’ la signora Shane. Lei è un’amorevole donna, una dei miei membri più fedeli,
21
ma lei è nevrotica. Da dieci anni è in cura da una psichiatra a Louisville, ma non ha potuto farci niente.
Anche molti guaritori per fede hanno pregato per lei, ma non è servito a nulla. Lei è ancora in una
terribile condizione. I suoi nervi sono molto tesi. Vuoi solo imporle le mani e chiedere a Dio di
benedirla”?
“Va bene. Dove posso trovarla”?
“Le ho detto di aspettarci in fondo alle scale del seminterrato”.
Dal modo in cui il reverendo Johnson la descrisse, Bill si aspettava di trovare una donna che
doveva essere trattenuta da una camicia di forza. Invece incontrò una bella signora sui trent’anni che a
prima vista sembrava essere normale.
“Ciao, Fratello Branham”, disse.
“Piacere signora. È lei la paziente per la quale dovrei pregare”?
“Sì. Sono la signora Shane”.
“Non sembra ammalata”.
“Veramente non sono ammalata. Non so cosa c’è che non va con me. Non sono in grado di
controllarmi. Talvolta mi chiedo se ho perso la testa.
Ora Bill notò dei piccoli segni della neurosi nelle azioni della donna: dal giocherellare con le
dita e un tic all’angolo della bocca. Bill disse: “Non credo che abbia perso la testa, sorella. Portiamo il
suo problema al Signore Gesù”. Egli le impose le mani e pregò, ma alla fine della preghiera, non aveva
alcuna certezza che lei fosse stata guarita.
Due giorni dopo Bill e Meda stavano facendo delle compere a New Albany quando
incontrarono la signora Shane per strada. “Sta meglio, sorella”? Le domandò Bill. “No, sono
peggiorata” si lamentò. La sua testa diede uno scatto, mentre i suoi occhi saettavano avanti e indietro
tra gli oggetti della strada. Sembrava terrorizzata a morte, come se temesse di essere aggredita da un
momento all’altro. “Fratello Branham, non posso lasciare New Albany, perché se lo facessi, mi
succederebbe qualcosa. Penso che ho davvero perso la testa”.
“Non credo sorella. Sei una cristiana che vive al di là del peccato”?
“Sì, sono una metodista santificata, nata di nuovo. Insegno alle giovani alla scuola domenicale
ogni domenica pomeriggio”.
“Bene, preghiamo di nuovo per lei”. Bill piegò la testa e pregò: “Dio, ti preghiamo di avere
pietà di questa povera donna; nel Nome di Gesù Cristo, noi preghiamo. Amen”. Ma quando partirono,
Bill sentì che il problema non era ancora stato risolto.
Il giorno seguente alcuni amici della signora Shane la portarono a casa di Bill. Cercando di
svincolarsi da loro, urlò, “Portatemi a casa! Non posso lasciare New Albany o morirò”! Quando Bill
cercò di parlare con lei, farfugliò di come lei non deve mai lasciare New Albany o la terra potrebbe
aprirsi e inghiottirla. Bill pregò di nuovo e lei si calmò, ma non era ancora convinto che lei fosse stata
guarita. Qualcosa di profondamente nascosto la stava tormentando.
Anche la signora Shane lo sapeva. “Fratello Branham, io credo che se tu preghi per me, quando
l’unzione è su di te, io guarirò”. Poi lei disse ai suoi amici: “La prossima volta che il fratello Branham
ha una campagna di guarigione vicino a New Albany, vi dico ora che voglio andare, anche se dovrete
mettermi in una camicia di forza, trascinatemi là a calci e urla”.
Più tardi quel giorno, Bill ricevette una telefonata dal dottor Sam Adair. "Billy, il dottor Able mi ha
dato la sua conclusione riguardo al tuo amico. Sarebbe meglio che tu lo dicessi a sua moglie. Il signor
Hall vivrà al massimo per quattro giorni".
“Non c’è niente che si possa fare”?
“Billy, il cancro è nel fegato! Non si può togliergli il fegato perché lui viva. Egli sta morendo.
Suppongo che dovrebbe essere pronto ad andare, in quanto egli è un predicatore”.
“Oh, la sua anima è a posto con Dio, ma io odio vederlo andare via. Ha solo 55 anni. C’è ancora
22
molto lavoro che può fare per il Signore. Non so perché Dio lo stia prendendo,”.
“Sì, è difficile da capirlo per chiunque. Talvolta dobbiamo solo accettarlo”.
Bill e Meda andarono a raccontarlo alla signora Hall. La sua ultima speranza si scontrò contro la
dura realtà e scoppiò nel dolore. Bill cercò di confortarla. “Sorella Hall, ricorda, è un cristiano. Egli è
pronto a partire. L’apostolo Paolo disse al cristiano: Se questo tabernacolo terreno si dissolve, ne
abbiamo uno già pronto che sta aspettando. Il fratello Hall starà molto meglio dove sta andando.
Naturalmente alla tua età, senza figli, ti sentirai sola. Ma devi ricordare che Dio sa qual è il meglio e
Lui fa cooperare tutto per il meglio".
“Io proprio non saprei che cosa farei senza di lui”, si lamentò.
“Andiamo a pregare per lui ancora una volta” suggerì Bill.
Da una settimana William Hall perdeva spesso conoscenza. Ora egli era inconscio. La sua pelle
color buccia d’arancia sembrava di cera. Bill, Meda e la signora Hall pregarono di nuovo chiedendo a
Dio di avere misericordia e di risparmiargli la vita.
Prima che Bill se n’andasse, la signora Hall chiese, quasi supplicando, “Fratello Branham, Dio
non ti ha mai detto una parola a riguardo in una visione”?
“Mi dispiace, sorella Hall, ma non mi ha detto nulla. Ho pregato con tutto il mio cuore. Forse
Dio lascerà che il fratello Hall muoia.
“Pensi che morirà”?
“Sì, lo credo, perché tutte le evidenze sono contro di lui. Deve essere la volontà del Signore, ma
non posso dirlo per certo”.
Bill e Meda ritornarono a casa. Come al solito, molte macchine erano parcheggiate sul viottolo
che portava a casa sua. Una dozzina di estranei aspettavano di vederlo. Egli pregò per tutti loro.
L’ultima persona partì poco dopo la mezzanotte. Bill appoggiò il suo fucile per la caccia agli scoiattoli
accanto alla porta della camera da letto. Seduto sul bordo del letto, mise la sveglia alle 4 del mattino.
Dato che aveva così tanti problemi a trovare un po’ di riposo nella sua casa, gli piaceva andare nei
boschi di mattina presto, cacciava alcune ore, poi si sdraiava sotto un albero e faceva un sonnellino,
almeno nei boschi nessuno poteva disturbare il suo sonno.
Alle 4 la sveglia suonò. Barcollando, saltò fuori dal letto. Si arrabattò con i suoi vestiti. Mise le
dita tra le stecche delle veneziane e piegò una stecca quanto bastava per sbirciare fuori. A volte la gente
arrivava a metà della notte e dormiva nella loro auto, in attesa del mattino, affinché pregasse per loro.
Questa mattina la strada era vuota, il che significava che poteva andare a caccia senza ritardo.
Prese su il suo fucile cal.22, accese la luce della sala e si avviò verso il bagno, sfregandosi il
sonno fuori dagli occhi. A metà strada verso la sala vide una piccola mela verde apparentemente appesa
al muro. Bill pensò: “Perché mia moglie avrebbe appeso una mela mangiata dai vermi sul muro”? Si
avvicinò per osservarla meglio. Improvvisamente comprese il suo errore. La mela non era attaccata al
muro, era sospesa a mezz’aria!
Si inginocchiò su un ginocchio, e posato a fianco il suo fucile, Bill si tolse il cappello e disse:
“Padre Celeste che cosa vuoi far sapere al Tuo servo”?
Un’altra mela verde, coperta di incrostazioni, apparve accanto alla prima ... poi un’altra e
un’altra fino a cinque mele verdi bucate dai vermi fluttuavano in grappolo. Mentre Bill guardava con
stupore, una grande mela gialla senza macchie scese giù dalla cima di questo grappolo. Bill sentì uno
scricchiolio, un suono del tipo che fa un uomo quando morde una mela fresca. Con cinque bocconi la
mela gialla divorò tutte e cinque le mele verdi.
La visione scomparve, ma restò la luce soprannaturale, roteando vicino al soffitto con un suono
come un turbine. La luce non era una visione. Bill disse di nuovo: “Che cosa vuoi fare sapere al Tuo
servo”?
“Alzati in piedi”, comandò l’angelo. “Vai a dire a William Hall – così dice il Signore, tu vivrai e
23
non morrai”.
La luce sparì.
Tutti i pensieri della caccia allo scoiattolo lo lasciarono. Corse nella camera da letto, svegliò la
moglie per darle la buona notizia. Lei disse: “Oh, posso venire con te”?
Insieme andarono alla casa dove William Hall giaceva morente. Quando arrivarono, il sole
stava appena facendo capolino sopra le cime degli alberi. Maggie Hall sedeva accanto al letto di suo
marito, sembrava stanca e indifferente mentre strofinava la mano del marito.
“Come sta andando ”? Chiese Bill.
“Non è ancora morto, fratello Branham, ma sta morendo. Perché sei così luminoso e allegro”?
“Sorella Hall, ho il così dice il Signore per tuo marito”.
Rimanendo senza fiato domandò: “È una buona notizia”?
“Sì, sorella Hall”. Poi Bill si girò e disse: “Fratello Hall, puoi sentirmi”?
Le sue palpebre si alzarono, e la sua voce debole gracchiò, “Non sono ancora morto”?
“No, e non morirai – non ancora. Ho una parola dal Signore per te. Circa due ore fa ho visto una
visione. Fratello Hall, da quanto tempo sei ammalato”?
Troppo debole per ricordare, William Hall girò i suoi occhi verso la moglie ansimando, “Magg,
diglielo tu”.
“Sono cinque mesi, ora”.
Bill annuì. “Questo è ciò che pensavo. Questa mattina presto ho visto una visione, dove una
grande mela gialla inghiottì cinque mele verdi mangiate dai vermi. Le mele verdi rappresentano i mesi
che il fratello Hall è stato ammalato. Da ora in avanti sta per iniziare a guarire. Questo è il così dice il
Signore”!
Quando Bill tornò a casa, chiamò il suo amico Sam Adair. “Doc, ti ricordi di quell’uomo che tu
hai detto che sarebbe morto entro quattro giorni. Il Signore mi ha appena detto che lui non morirà”.
Sam Adair tentennò. “Questo è impossibile. Come potrà vivere con quel cancro al fegato”?
“Non lo so, ma vivrà, perché il Signore l’ha detto”.
“Billy, non voglio dubitare di te; ho visto tante cose incredibili succedere intorno a te che io
devo credere a tutto quello che mi dici. Ma questo vecchio medico dovrà vederlo avvenire prima che lo
creda”.
“Beh, non morirai di vecchiaia prima di vederlo, perché sta per realizzarsi”.