08 nov 2015

Capitolo 11 Ordinato per un Vangelo Sovrannaturale 1932

William Branham e il dr. Davis condividevano un mutuo rispetto reciproco — Billy era ispirato dall’esempio di fede dell’anziano e il dr. Davis era ugualmente colpito dallo zelo del giovane. Non passò molto che il pastore gli fece una proposta —Billy forse dovresti considerare di entrare nel ministero. Il dottor Davis era autorizzato dalla sua organizzazione nazionale ad accordare “Il permesso all’opera” alle persone promettenti, i quali sarebbero stati riconosciuti ministri della Chiesa Missionaria Battista senza qualsiasi formale formazione. Billy non aveva dimenticato il suo pegno — quando la morte era venuta a reclamarlo l’anno prima, aveva promesso al Signore che se solamente avesse potuto avere un’altra opportunità nella sua vita, avrebbe predicato il Vangelo agli angoli delle strade e sui tetti delle case. Lui ora si sentiva esultante ad avere tale opportunità.
    Così, il giorno di Natale dell’anno 1932, il dott. Roy Davis ordinò William Marrion Branham ministro del Vangelo di Gesù Cristo, secondo le leggi e gli statuti della Chiesa Missionaria Battista. Billy aveva 23 anni. Alcuni giorni dopo la sua ordinazione, Bill stava lavorando a New Albany al suo ultimo lavoro — tagliando via i servizi a quelle persone che non potevano pagare le bollette dell’acqua, gas o corrente elettrica. Bussò ad una porta per informare gli occupanti che doveva mettere fuori servizio il loro contatore. La donna che rispose alla porta bestemmiò verso di lui in modo inumano. Quando aprì la porta, Bill le disse: “Donna, non dovresti bestemmiare così. Non temi Dio”?
    “Tu piccolo ricciuto idiota”, disse in tono brusco, “Se voglio qualcuno che mi parli di Dio, non vorrei uno stupido come te, tua madre deve essere”… e qui lanciò una rude, vile descrizione di sua madre e della sua discendenza. 
      Billy aveva sempre detto: “Un uomo che picchia una donna non è abbastanza uomo da picchiare un uomo”, ma con quella donna che scaricava tali marce immondizie sul buon carattere di sua madre, probabilmente lui avrebbe rotto quel precetto se fosse successo un anno prima. Al minimo si sarebbe arrabbiato gridandole di rimando. Ma ora i suoi insulti nemmeno lo toccavano. Come l’acqua respinta dagli stivali strofinati con grasso di procione, le sue invettive non potevano penetrare la pace della mente che copriva l’anima di Billy. Cortesemente disse: “Pregherò per lei, signora” e se ne andò. Billy riconobbe proprio allora che il cambiamento dentro di lui era sia permanente che genuino.
      Nel suo successivo ordine di lavoro doveva tagliare via i servizi in una casa dove le persone si erano trasferite. Siccome l’edificio era vuoto e la porta era socchiusa, Billy scivolò dentro per pregare e ringraziare il Signore. Inginocchiatosi sul pavimento spoglio congiunse le mani, ma non aveva ancora chiuso gli occhi quando improvvisamente la stanza cambiò. I muri non erano più ricoperti con carta da parati rigata e sgargiante; ora erano lisci e bianchi. E la stanza non era più vuota. Billy stava fissando un vecchio uomo di colore con capelli e baffi bianchi che giaceva in quello che sembrava un letto d’ospedale. L’uomo sembrava come se avesse avuto un brutto incidente — le sue braccia, le gambe, il torace, era tutto fasciato. Al lato del letto più vicino a Billy stava un’anziana signora di colore. (Forse era la moglie dell’uomo, dato che sembrava fossero della stessa età).
      Billy vide dei movimenti con la coda dell’occhio. Giratosi, vide un giovane bianco ed una donna entrare nella stanza e stare in piedi dal lato più lontano del letto. Le loro facce erano tristi; ma oltre questa tristezza, Billy non poteva comprendere quale collegamento potrebbe esserci stato tra loro e l’uomo avvolto nelle bende. Poi altre due persone entrarono nella stanza — entrambi giovani uomini. Loro stettero di fronte al letto così che Billy non poteva vedere le loro facce. Questi due uomini gli sembravano molto famigliari, come se Billy avrebbe dovuto riconoscerli anche di schiena. Sì, sì, riconobbe uno di loro. Era il suo amico, George DeArk che aveva appena condotto al Signore alcune settimane fa. E l’altro? Si sforzava di capire chi era l’altro. Chi non lo avrebbe riconosciuto con quella testa piena di capelli neri e ricci? Proprio allora l’uomo si girò a parlare all’anziana donna al suo lato. Billy sussultò sorpreso. Stava guardando se stesso!
       Billy vide se stesso chinarsi sul letto e pregare per il paziente di colore. Istantaneamente l’uomo si sedette sul letto e cominciò a togliersi la fasciatura. Poi la veduta di Billy del letto fu oscurata da un mucchio di infermiere e dottori accorsi nella stanza. Lo spettacolo svanì e Billy si ritrovò in un posto diverso. Ora lui era in piedi sulla strada di fronte all’ospedale. Mentre guardava, la porta anteriore si aprì e quello stesso vecchio uomo uscì fuori, camminando giù per gli scalini come se non si fosse mai fatto assolutamente male. La fasciatura non c’era più ed ora indossava un cappotto marrone e un cappello a cilindro. Improvvisamente la scena finì e Billy si trovò di nuovo inginocchiato su un pavimento spoglio in una casa priva di proprietario che aveva i muri coperti con carta da parati rigata.
    Cos’era successo? Dov’era stato? Non si era mosso di un centimetro da dove si era inginocchiato e ugualmente, in qualche modo era stato in un ospedale e aveva visto svolgersi un incredibile dramma. Come? Non poteva essere stato un sogno. Egli era completamente sveglio. E la scena intorno a lui nell’ospedale sembrava così reale come le sue stesse mani congiunte in preghiera davanti al suo cuore. Sebbene non comprendesse cosa volesse dire, Billy, ciononostante era ansioso di condividere questa visione col primo paio di orecchie disponibili che avesse incontrato. Toccò a John Potts, un uomo Cristiano il quale era addetto alla ricezione alla compagnia del servizio pubblico. Era giusto prima della fine del lavoro. Il signor Potts non parlò molto mentre Billy raccontava — solo un occasionale, “ah — hah….è così… my, ciò è interessante”.
       Il giorno dopo, appena Billy arrivò sulla soglia, il signor Potts lo chiamò in disparte. “Dimmi, Billy di quel sogno che hai avuto ieri pomeriggio” — “Signor Potts non era un sogno. Ero completamente sveglio come lo sono ora. Non so esattamente cosa fu — forse qualche sorta di trance, suppongo”. “Benissimo, se lo dici tu. In ogni modo, io avrei un indizio circa quello che vuole dire. La notte scorsa io stavo facendo visita ad un mio amico nell’ospedale cattolico di New Albany. Uno dei pazienti si adattava bene alla descrizione dell’uomo nel tuo — èhm — trance. Il suo nome è William Merrill. E’ un uomo di colore approssimativamente di 65 anni circa ed è molto grave. Gli ho parlato un po’ la sera scorsa. Sembra che possegga un carro e due cavalli e vive raccogliendo rifiuti per le vie di New Albany. Due giorni fa un giovane ragazzo e una ragazza stavano andando a tutta velocità in una macchina quando in un angolo persero il controllo, sbattendo nel suo carro, fratturandogli le braccia, gambe e schiena. Io gli parlai di te e della trance. Egli si eccitò molto e mi implorò di chiederti di andare a pregare per lui”.
       “Mi chiedo se è quello l’uomo che vidi”. Tutto il giorno Billy si chiese cosa accadrebbe se lui davvero pregasse per un uomo che era evidentemente in brutte condizioni come lo era il signor Merrill. Questo pensiero rendeva Bill nervoso. L’uomo si sarebbe realmente seduto diritto sul letto togliendosi via le bende? Poi Billy pensò ai sermoni che aveva sentito predicare dal dottor Davis, esortando i Cristiani a credere nel potere soprannaturale di Dio nel compiere i miracoli. Nel frattempo Bill era a casa dal lavoro, si sentì pronto. Individuato il suo amico, George DeArk scaricò l’intera fantastica storia su di lui.
    Gorge disse: “Sicuro, Bill, io vengo con te a pregare per l’uomo”. Mentre i due salivano gli scalini dell’ospedale, Bill spiegò: “Fratello George, queste strane cose che mi accadono, non le capisco; ma so che non posso pregare per il vecchio uomo finché quelle due persone bianche non sono nella stanza in piedi dall’altro lato del letto, perché devo fare esattamente nel modo che mi è stato mostrato. Così, non so se ciò accadrà stasera. Ma aspetta e vedrai — quest’uomo guarirà”.
     Una volta all’interno, Billy chiese del signor Merrill e fu indirizzato alla sua stanza. Un’occhiata all’uomo nel letto e Billy seppe che era nel luogo giusto. Questo era l’uomo che aveva visto ieri. “Buona sera, signore. Il mio nome è Billy Branham. C’è stato un uomo qui l’altra sera che ti ha parlato di me”. L’uomo si agitò con impazienza, “Oh, sei tu il ragazzo che pregherà per la mia guarigione”.
     Sua moglie, in piedi accanto al letto, aggrottò le ciglia e ammonì: “Giovanotto, penso che tu non realizzi quanto siano gravi le condizioni di mio marito. Non solamente ha una febbre a 40° ma le radiografie mostrano che ha alcune costole rotte dritte contro i suoi polmoni. Se fa un movimento sbagliato di un solo centimetro, quelle schegge appuntite possono forargli il polmone — o anche peggio, tagliargli un’arteria e avere un’emorragia mortale. Io penso veramente che voi non dovreste venire qua ed eccitarlo così”.
       Ma il signor Merrill la vedeva differentemente. “Lascia sentire almeno cosa ha da dire il ragazzo”.
   Billy raccontò di nuovo la sua esperienza del giorno prima. Proprio mentre finiva, due giovani, un uomo e una donna entrarono nella stanza. Il signor Merrill li presentò come i due i quali erano nella macchina che andò a sbattere contro il suo carro. Erano entrambi dispiaciuti per l’incidente e sembravano genuinamente preoccupati per il benessere dell’anziano uomo. Con tristezza e facce serie andarono al lato del letto vicino alla parete.
   Quello era il momento per Billy. Si chinò ed aveva appena cominciato a pregare quando il signor Merrill gridò: “Sono guarito”! e si alzò di scatto sul letto. Sua moglie strillava: “William, no”! Mentre cercava di rimetterlo di nuovo giù disteso sul materasso. Uno studente medico si precipitò nella camera. Anche lui cercava di tenere giù il signor Merrill, ma l’anziano gentiluomo dimenandosi riuscì comunque a saltare fuori dal letto gridando, “Sono guarito! Sono guarito”!
       Infermieri e dottori accorsero. Una suora cattolica entrò nella stanza molto arrabbiata e disse a Billy e a George: voi due dovete andarvene fuori di qui ora. Non possiamo permettervi di rendere questo uomo così agitato. Egli è molto ammalato”. Mentre Billy e George se ne andavano, William Merrill stava lottando per vestirsi mentre alcuni dottori stavano cercando di persuaderlo a ritornare a letto. Una volta fuori, Billy si fermò in fondo alla scala dell’ospedale e disse a George: “Aspettiamo qui. Osserva, — lui indosserà un cappotto marrone e un cappello a cilindro e verrà giù per questi scalini tra un attimo”.
       Alcuni minuti passarono... Poi il signor Merrill venne con sua moglie camminando giù dagli scalini vivo, come se fosse stato un visitatore dell’ospedale invece di un paziente. Indossava un cappotto marrone e un cappello a cilindro proprio come Billy aveva predetto.
       George chiese al vecchio uomo: “Come avete fatto a liberarvi da tutti quei dottori”
       Il signor Merrill fece un largo sorriso sotto i baffi bianchi. “Mi misurarono la febbre ma non ne avevo, così mi hanno lasciato andare”.

Il giorno seguente Billy si alzò allo spuntar del giorno. Mentre brancolava alla fioca luce cercando i vestiti, la stanza fu improvvisamente inondata dalla piena luce del giorno come se qualcuno avesse acceso l’interruttore. Billy comprese istantaneamente che non era più nella sua casa. La stanza nella quale si trovava ora era più grande della sua stanza da letto. Sembrava un soggiorno — con sofà, poltroncine, un’ottomana, tavoli e lampade — eccetto che in un angolo c’era un alto letto. Su questo letto giaceva una donna di mezza età, terribilmente storpiata. Billy guardò con stupore questa donna mentre gli arti contorti si raddrizzarono e divennero normali. La donna saltò fuori dal letto e camminò direttamente verso di lui, così che Billy poté guardarla bene in faccia. Poi si ritrovò di nuovo nella sua stanza in quella fioca luce.
  Billy rimase seduto sull’orlo del letto per parecchio tempo, pensandoci sopra. Evidentemente il Signore Gesù stava per liberare qualcun altro. Ma chi? E quando? Egli pensò: “Probabilmente oggi lo scoprirò dove si trova”.
       Quel giorno il suo compito di lavoro lo portò al 2223 East Oak Street in New Albany. Una famiglia si era trasferita dall’appartamento di una casa bifamigliare e Billy aveva bisogno di staccare l’acqua solo da quella parte, ma nella cassetta non era chiaro quale contatore corrispondeva all’appartamento. Girò la valvola e chiuse un contatore, poi fece un salto all’appartamento occupato per controllare.
   Un’attraente adolescente, poveramente vestita, rispose al suo bussare. “Cosa vuole”?
       “Lavoro per la compagnia del servizio pubblico. Vuoi provare a vedere se corre l’acqua”?
        “Certamente”. La ragazza girò l’angolo ed entrò in cucina.
   Stando sull’uscio, Billy poté vedere nel soggiorno una donna stesa su di un letto del tipo di quelli d’ospedale. Il suo corpo era estremamente contorto tanto che sembrava un ragno raggrinzito. Il letto aveva la testiera di faccia alla porta così che Billy poté vederla chiaramente in viso. Il suo cuore balzò per l’eccitazione. Questa era la donna storpia che aveva visto quella mattina in una visione. Stava leggendo un libro dalla copertina nera. Un giornale era sparpagliato sul pavimento accanto al letto.
       “Piacere, signora. Il mio nome è Billy Branham”.
       “Salve. Il mio è Mary Der Ohanion. Ecco mia figlia Dorothy.
       Dorothy venne nella sala e disse: “No, l’acqua corre ancora”.
   “Penso d’aver chiuso il contatore giusto, allora. Grazie per la prova”. Ma non se ne andò. In qualche modo doveva avviare una conversazione con la donna storpia. “Cosa sta leggendo”?
       “Una Bibbia Armena”, rispose lei.
       Lui la sfidò: “Tu credi”?
      La signora Der Ohanion appoggiò il libro sul grembo. “Dorothy ha 17 anni. Da quando lei è nata sono inabile nel letto. Ma questa mattina ho letto nel giornale di un uomo che è stato guarito all’ospedale cattolico e aggiunse: “C’è speranza per me. Ehi, hai detto che il tuo nome è Branham”? Tolse gli occhiali da lettura e si mise a fissare il giovane che stava sull’uscio del suo soggiorno. La sua espressione cambiò quando lei collegò questo giovane lettore di contatori con lo sconosciuto Branham dell’articolo del giornale.
      “Sei tu quell’uomo di Dio che guarì quell’uomo di colore la sera scorsa”?
       “No, signora, io non sono un guaritore. Mi è stato mostrato da qualcosa che avrei dovuto pregare per quell’uomo. Il Signore Gesù è il guaritore, non io”.
      La donna annuì col capo. “Da quando ho letto di quel miracolo, sto chiedendone uno per la mia propria vita. Vuoi pregare per me”? Billy guardò questa donna i cui arti contorti avevano sofferto 17 anni di atrofia e disse cautamente, “andrò a pregare per questo e poi tornerò”.
       Trovò un luogo per rimanere solo con Dio e pregò fino a che il suo coraggio fu uguale alla visione. Poi andò su a casa di George DeArk. “Fratello George, ho incontrato la donna della quale ti parlai questa mattina. Sono sicuro che sia la stessa. Vieni con me”.
       I due entrarono in casa e si misero accanto al letto della signora Ohanion. Mentre la donna stringeva la sua Bibbia Armena al cuore, Dorothy e suo fratello di 8 anni si nascondevano dietro l’albero di Natale dall’altro lato del soggiorno, ridacchiando e facendosi beffe di quell’idea — pensare che la loro mamma salti fuori dal letto dopo 17 anni che giaceva lì — che burla.
    Billy ignorò i ragazzi. “Signora Ohanion, il Signore Gesù vi guarirà”. Billy e George si inginocchiarono e cominciarono a pregare. Le palpebre anche se chiuse, permettevano lo stesso alla luce di arrivare alle pupille; e attraverso le palpebre Billy vide una luce girare sopra la signora Ohanion. Aprì gli occhi aspettandosi di vedere una lampadina elettrica. Invece vide un cerchio di fuoco color ambra roteare sopra il letto. Un timore reverenziale lo afferrò — una paura da lasciarlo senza fiato, mista ad una curiosità per sondare cosa fosse. Questa luce doveva essere la stessa luce che aveva formato una croce nell’aria quando stava pregando nel capannone dietro casa sua. Ispirato, Billy allungò la mano e afferrò la mano della donna ammalata e disse: “Signora Ohanion, il Signore mi ha detto questa mattina che guarirai. Alzati in piedi e cammina, nel Nome di Gesù”.
     Tirando le coperte da parte, si trascinò sul bordo del letto usando le sue braccia e le gambe avvizzite spostandosi di un centimetro alla volta come un bruco. Billy ebbe un attimo di apprensione, pensando che se l’avesse lasciata cadere da quel letto così alto, si sarebbe potuta rompere il collo cadendo a terra. Poi pensò alla visione di William Merrill — come fu perfetta; quale esattezza — e la sua fiducia ritornò.
    Appena la signora Ohanion mise le gambe fuori dal letto, si raddrizzarono proprio davanti agli occhi di tutti. Dorothy emise uno strillo acuto, forsennato, e strappandosi i capelli, uscì dalla porta gridando ancora al massimo della sua voce. I vicini vennero correndo da ogni direzione, riempiendo l’entrata, guardavano intontiti e con incredulità. Guardando la loro vicina, la signora Mary Der Ohanion, la quale per la prima volta dopo 17 anni camminava attorno per il soggiorno tenendo due braccia sane sopra la testa mentre lodava il Signore Gesù Cristo nella sua lingua nativa Armena.
   Billy ritornò a casa tutto eccitato e gioioso per quelle meravigliose visioni che precedevano simili miracoli. Ma presto il suo eccitamento si sarebbe smorzato; presto la sua gioia si sarebbe tramutata in paura. La sua prossima visione fu notevolmente differente. E quando ebbe descritto questa visione al suo pastore, Bill fu confuso dalla risposta del suo pastore. Sarebbero cominciati per lui anni di incertezza che alla fine lo portarono a scoprire i segreti nascosti della sua peculiare vita— un segreto che avrebbe poi lanciato il più grande ministero di guarigione per fede che il mondo abbia mai visto.