06 nov 2015

Capitolo 44 Comprendendo il ministero 1948-1949

Il secondo segno cambiò drammaticamente il ministero di William
Branham. D’allora in poi, oltre il segno nella mano, Bill poteva
guardare i segreti nel profondo del cuore di una persona. Questo
secondo dono – di discernimento tramite una visione – sbalordiva
tutti quelli che ne venivano a contatto, tra i quali anche Bill. Sebbene
vedesse visioni da quando era bambino, mai prima d’ora le aveva
vissute su così vasta scala e con un tale risultato immediato.
Riunione dopo riunione, sera dopo sera, estraneo dopo estraneo,
malattia dopo malattia, segreto dopo segreto – Nulla di ciò che Dio
voleva rivelare, rimaneva nascosto. Il segno nella sua mano
funzionava ancora, se voleva utilizzarlo. Ma questo nuovo dono, che
sembrava non avere limiti, aveva molto più successo nell’aumentare
la fede dei credenti, al punto che potevano accettare la loro
guarigione.
Poiché questo nuovo avvenimento era completamente diverso da
qualsiasi altra cosa che le persone avessero mai visto prima, Bill
spesso cercò di spiegarlo al pubblico, dicendo: “Molti di voi,
sognano sogni. Un sogno è il vostro subconscio che lavora, quando
la vostra mente è addormentata. Ma per un veggente è diverso, un
veggente ha un subconscio che è consapevole, parallelamente con la
sua mente conscia, in modo che egli vede una visione quando è
sveglio”.
Realmente, era più facile mostrare il dono che spiegarlo. Quando il
pubblico vide questo discernimento per visione, molte persone
capirono che tale infallibile precisione era umanamente impossibile.
150
Bill spiegò che Gesù Cristo era presente nella forma dello Spirito
Santo, rivelando Se stesso attraverso un dono amministrato da un
essere angelico.
Quella spiegazione non convinse tutti. Qualcuno pensava che Bill
usasse la psicologia per ingannare la platea. Altri sospettavano che
faceva qualche trucco con le carte di preghiera. Sul dietro d’ogni
carta c’erano alcune linee dove il paziente scriveva il suo nome, il
suo indirizzo e la ragione per la quale veniva nella linea di preghiera.
Queste informazioni potevano essere usate poi dai locali ministri che
sponsorizzavano le campagne, per controllare queste persone e
vedere come stavano. Bill non vide mai queste carte. Un usciere le
raccoglieva, quando la linea di preghiera veniva formata ad un lato
dell’auditorio. Lo stesso, qualche scettico pensava che l’usciere
potesse leggere queste carte di preghiera e trasmettere le
informazioni a Bill per telepatia mentale. Questo argomento
oltrepassava ogni logica – non tutti scrivevano i loro problemi sul
retro della carta di preghiera e neppure la telepatia mentale avrebbe
potuto spiegare come Bill potesse rivelare i segreti personali di un
paziente. Alcune persone pensavano che Bill potesse leggere la
mente, ma anche la lettura della mente non poteva spiegare come Bill
potesse conoscere il futuro. Tuttavia, gli scettici rimasero increduli.
Dopo Regina, Saskatchewan, Bill tenne una campagna in Windsor,
Ontario. La prima sera più di 8.ooo persone erano presenti. Verso la
fine della linea di preghiera, un giovane venne davanti a lui e disse:
“Reverendo Branham, io voglio essere guarito”.
Bill si sentiva intontito per lo sforzo della battaglia serale e a stento
riusciva a mettere a fuoco gli occhi; ma per quello che poteva vedere,
il giovane di fronte a lui sembrava robusto e in salute. Bill prese la
mano dell’uomo, ma non sentì nessuna vibrazione. “Lei non ha
nessun germe attinente alla malattia”.
151
“Oh, si”, rispose irritato l’uomo. “Chieda all’usciere laggiù che ha
preso la mia carta di preghiera”.
Bill scosse la testa. “Non m’importa di ciò che ha scritto sul suo
biglietto di preghiera, lo sentirei nella mia mano, se foste ammalato.
Lei non è ammalato”.
L’uomo insistette: “Sono ammalato. Ho la tubercolosi, è scritto nella
mia carta”.
“Signore può darsi che l’ha avuta una volta, ma non ora. Può darsi
che la sua fede l’abbia guarito mentre era seduto nell’auditorio”.
L’uomo infilò le mani nelle tasche, si avvicinò al microfono e
sbeffeggiò: “Ecco, questo è il modo in cui è, vero”? La fede quando
ero seduto nell'auditorio – lo sapevo che c'era una faccenda poco
pulita in corso, qui. Per un momento, Bill rimase confuso. Poi una
visione gli svelò l’intera faccenda che si aprì come un sipario di
teatro. Guardando l’impostore Bill disse: “Appartiene alla chiesa di
Cristo. Lei è un ministro di quella chiesa”.
L’espressione dell’uomo cambiò, da smascheratore a smascherato.
Incominciò a negarlo, ma Bill lo bloccò. “Non mentisca più davanti a
Dio. L’altra sera era seduto ad un tavolo con altre due persone. Un
uomo con un vestito blu sedeva davanti a lei e alla vostra destra
sedeva una donna con un vestito verde. La donna depose la sciarpa
verde sul tavolo. Vedo una parte di essa pendere dal bordo del
tavolo. Lei ha detto loro che avreste preso una carta di preghiera e
scritto su di essa che avevate la tubercolosi. Pensava che io usassi la
telepatia mentale e lei mi avrebbe smascherato quale imbroglione”.
In mezzo al pubblico un uomo saltò in piedi e gridò: "E' la verità. Io
sono l'uomo che era con lui". Improvvisamente Bill sembrò non
avere più il controllo della sua voce. Egli intese dire da se stesso, "La
152
malattia che hai scritto sul biglietto di preghiera sarà ora su di te per
tutto il resto della tua vita".
Cadendo a terra, l’uomo afferrò il risvolto della gamba dei pantaloni
di Bill. “Reverendo Branham, io onestamente pensavo che fosse un
trucco. C’è qualche speranza di perdono per me”? “Signore, questo è
tra lei e Dio, non tra lei e me”.
Benché Bill non capisse esattamente come avvenissero le visioni,
determinò un modello che contribuiva a sapere cosa doveva
aspettarsi. Quando l’angelo del Signore scendeva in una riunione,
Bill sentiva distintamente una santa presenza che gli faceva
formicolare la pelle come se l’aria fosse piena d’energia elettrica.
Bill aveva visto spesso l’angelo del Signore nelle sue riunioni come
una sfera di luce sospesa in aria a pochi metri di distanza da lui.
L’angelo stava sempre alla destra di Bill. Mentre le persone nella
linea di preghiera avanzavano, anche loro sentivano la presenza
dell’essere angelico vicinissima. Le loro espressioni spesso
cambiavano, molti si agitavano nervosamente ed altri, addirittura si
tiravano un po’ indietro.
Il semplice procedimento di parlare con una persona alla presenza
dell’angelo del Signore gli procurava una visione. Bill lo definì:
“Prendere contatto con lo spirito di una persona”. Mentre essi
parlavano, Bill manteneva gli occhi fissi su quella persona fino a che
vedeva la persona ritirarsi e contemporaneamente elevarsi in aria. La
visione era diversa da un sogno, sia perché era sveglio e perché gli
sembrava di esservi in realtà. Aveva problemi per spiegare
l’esperienza. Sosteneva che era come essere contemporaneamente in
due luoghi diversi. Su di un livello sapeva che era ancora in un
auditorium parlando all’enorme folla; allo stesso tempo, era forse 40
anni indietro nel tempo, guardando qualcosa accadere nella vita di
153
qualcun altro. Era come stare in un altro mondo… O una diversa
dimensione.
Mentre la visione gli svelava gli avvenimenti, aveva ancora la
possibilità di parlare con la gente; in realtà, egli non poteva evitare di
parlare. Durante la visione, sembrava non avere il controllo sulla sua
voce. Era come se il Signore Gesù parlasse per mezzo di lui,
utilizzando le corde vocali di Bill per descrivere quello che stava
succedendo nella visione. Egli poteva trovarsi a guardare un peccato
nella vita del paziente, o un incidente, o un qualche altro evento
rilevante – come un'operazione o una visita da un medico. Se la folla
rimaneva tranquilla, Bill poteva anche ascoltare ciò che diceva il
medico nella sala dell'esame. Bill l'avrebbe poi ripetuto affinché tutti
lo sentissero. Non mancò mai d'essere esatto. Questo esigeva
attenzione.
Molte persone durante l’attesa nella linea di preghiera ragionavano:
Qui c’è un estraneo che descrive le cose della vita delle persone che
non può conoscere – addirittura, anche i loro nomi e gli indirizzi e le
preghiere che dicono da soli nelle loro stanze da letto! Ciò non è
umanamente possibile. E l’ho sentito più volte senza mai fallire. Qui
sta succedendo qualcosa al di fuori del comune – qualcosa che non
comprendo. Potrebbe essere, (come quest’uomo sostiene), la
presenza soprannaturale del Signore Gesù Cristo, provando che Egli
è Dio, mostrandoSi interessato a noi. Se il fratello Branham può
dirmi qualcosa di vero riguardo alla mia vita, allora so che Gesù
Cristo è qui per aiutarmi.
Una persona non aveva bisogno di entrare nella linea di preghiera per
partecipare al discernimento. Talvolta la luce soprannaturale, seguiva
un paziente fuori dal palco, spostandosi tra il pubblico fino a quando
si fermava sopra qualcuno che pregava con gran fede. Quindi,
irrompeva una visione di quella persona e Bill poteva descrivere ciò
154
che vedeva. Egli non poteva riprendere la linea di preghiera finché
l’angelo del Signore non ritornava sulla piattaforma.
Dopo che la visione terminava, Bill dimenticava molto di ciò che
aveva visto o sentito, come un sogno che svanisce rapidamente con
lo vegliarsi. Talvolta si ricordava alcuni punti; altre volte
dimenticava tutto. Tuttavia, sapeva che quello che lui aveva detto
sotto l’unzione era vero. Dopo alcune visioni, diceva al paziente,
“Ora ciò che è stato detto, è la verità, vero? Naturalmente ora la
visione è passata; ma quello che ho detto, era proprio nel modo in cui
è stato detto – giusto”? Per il bene del pubblico, Bill spesso dava al
paziente la possibilità di confermare o negare queste affermazioni.
Loro confermavano sempre le visioni.
L’unzione lo dominava solo durante la visione. Tra una visione e
l’altra l’unzione si ritirava. Se non aveva l’unzione, Bill non poteva
rimanere in piedi per più di 15 minuti prima di crollare. Ogni nuova
visione lo indeboliva sempre più. Ci volevano 15 o 20 visioni per
farlo barcollare dalla fatica. I suoi manager, Fred Bosworth ed Ern
Baxter, compresero la situazione e osservavano Bill con attenzione.
Quando loro decidevano che aveva sopportato abbastanza lo sforzo
per quella sera, lo allontanavano dal servizio.
Quando Bill lasciava la piattaforma, di solito l’unzione lo lasciava.
Gli sembrava come se fosse un vento pulsante che svaniva in
distanza. Da quel momento Bill si sentiva così stanco che spesso non
sapeva dov’era o cosa stava succedendo. Qualche volta era così
esausto che non sapeva se camminava da solo, o se qualcuno lo stava
portando. Alla fine si rendeva conto che aveva lasciato la riunione.
Non voleva mai parlarne subito. Spesso si sentiva svuotato, privo di
quella meravigliosa e speciale vicinanza di Gesù Cristo. Molte volte
sedeva in camera d’albergo leggendo la sua Bibbia per un’ora o più,
cercando di rilassarsi e distendersi. In seguito Ern Baxter o Fred
155
Bosworth sarebbero venuti a controllare se fosse tutto a posto. Bill
chiedeva: “Che cosa è successo stasera, fratello? Vagamente ricordo
alcune persone per le quali ho pregato e mi ricordo d’alcune visioni,
ma questo è tutto”.
“Oh, Fratello Branham, è stata una riunione meravigliosa”... poi, uno
dei suoi manager gli raccontava tutto.
Nella quiete della sua camera d’albergo, Bill comparava
attentamente questo nuovo dono di discernimento rispetto al modello
della Bibbia. Si adattava esattamente di come l’angelo l’aveva
annunciato. Lesse in Giovanni 5: 19, “Gesù quindi rispose e disse
loro: «In verità, in verità vi dico che il Figlio non può da sé stesso far
cosa alcuna, se non la vede fare dal Padre»”, il che significava che
Gesù vedeva una visione, prima di fare ogni miracolo. E perché no?
A Dio Onnipotente, il futuro e il passato sono chiari come il
momento presente. Quando Gesù aveva bisogno di un posto dove
mangiare la cena di Pasqua, inviò avanti Pietro e Giovanni con le
istruzioni: Mandò due dei suoi discepoli e disse loro: «Andate in
città, e vi verrà incontro un uomo che porta una brocca d’acqua;
seguitelo; dove entrerà, dite al padrone di casa: “Il Maestro dice:
Dov’è la stanza in cui mangerò la Pasqua con i miei discepoli”? Egli
vi mostrerà di sopra una gran sala ammobiliata e pronta; lì
apparecchiate per noi».
Come aveva fatto Gesù a conoscere l’uomo giusto che avrebbe
portato una brocca d’acqua in quella particolare strada, in quel
preciso momento della giornata? Egli lo sapeva perché l’aveva già
visto accadere. Egli vide il futuro – tramite una visione.
Quando Filippo portò suo fratello Natanaele al Maestro, Gesù diede
uno sguardo a Natanaele e disse: “Ecco, un vero israelita, nel quale
non v’è frode”! Ciò stupì Natanaele. Il quale chiese: «Da che cosa mi
156
conosci?». Gesù gli rispose: «Prima che Filippo ti chiamasse, quando
eri sotto il fico, io ti ho visto».
Anche in questo caso, Bill comprese che Gesù vide una visione di
Natanaele seduto sotto un albero di fico. Ovunque Bill osservasse la
vita del suo Maestro, vedeva Gesù guidato da visioni. Senza dubbio
queste visioni diedero a Gesù Cristo alcune delle Sue intuizioni
penetranti, tanto che poteva percepire i pensieri degli altri. Il primo
capitolo di Giovanni, dichiara Gesù essere: “La Parola di Dio
divenuta carne”. Ebrei al capitolo 4 aggiunge l’idea che il perfetto
discernimento viene per mezzo di Gesù Cristo, la Parola. “La parola
di Dio è … discerne i sentimenti e i pensieri del cuore. E non v’è
nessuna creatura che possa nascondersi davanti a lui; ma tutte le cose
sono nude e scoperte davanti agli occhi di colui” …
Le visioni sembravano sempre essere legate con le azioni del
Maestro, come quando Gesù disse che aveva bisogno di passare per
la Samaria. Questa era lontana, fuori dalla via della Sua destinazione,
ma Egli aveva visto una visione che doveva essere adempiuta.
Incontrata una donna presso un pozzo, parlò con lei abbastanza a
lungo, fino a contattare il suo spirito. Poi le disse: “Va a chiamare
tuo marito e vieni qua”. Quando lei protestò che non aveva marito,
Gesù andò al nocciolo del suo problema: «Hai detto bene: "Non ho
marito”; perché hai avuto cinque mariti; e quello che hai ora, non è
tuo marito; in questo hai detto la verità» Meravigliata che uno
straniero sapesse il suo passato, la donna Gli disse: “Signore, vedo
che tu sei un profeta”.... «Io so che il Messia (che è chiamato Cristo)
deve venire; quando sarà venuto ci annunzierà ogni cosa». Gesù le
disse: «Sono io, io che ti parlo!» e la donna credette.
157
Ecco – la chiave che Bill stava cercando. Una visione aveva condotto
Gesù in quel luogo, in quel giorno, a quell’ora, per incontrare quella
particolare donna Samaritana, così che Lui potè svelarle la sua brutta
situazione. Naturalmente Gesù voleva la sua anima. Poiché Gesù
disse: “Perché il Figlio dell’uomo è venuto per cercare e salvare ciò
che era perduto”. La donna Samaritana credette in Gesù, dopo che
Egli discernette i peccati della sua vita passata. Lei riconobbe
nell’uomo Gesù, sia il segno di un profeta che il segno del Messia. In
realtà, i due segni erano la stessa cosa, perché il dono nei profeti,
prefigurava la venuta del Grande Dono, Gesù Cristo, Salvatore del
genere umano. Era lo Spirito di Cristo nei profeti che portava ad
effetto il segno. Ora Bill intese che questa era la chiave per la
comprensione del suo ministero – il discernimento tramite visione
era il segno del Messia. Come la notizia della guarigione di William
Branham si diffuse, le lettere si riversarono nel suo ufficio da tutta
l’America – lettere piene di testimonianze, richieste di preghiera e
inviti. Alcune persone mettevano semplicemente l’indirizzo sulle
loro buste: William Branham, Jeffersonville, Indiana. Le lettere
arrivavano comunque. Ma l’indirizzo di Bill non era mai stato un
segreto per nessuno. Grazie alla pubblicità della rivista la Voce della
Guarigione, centinaia di migliaia di persone venivano a conoscenza
dell'indirizzo del suo ufficio, il quale non fu mai cambiato per tutto il
tempo del suo ministero, eccetto l'aggiunta, negli ultimi tempi del
codice di avviamento postale.
Branham Campaigns
P.O. Box 325
Jeffersonville, Indiana 47131 (USA)
158
Alla fine la posta divenne un diluvio, una media di un migliaio di
lettere al giorno. La maggior parte proveniva da gente con richieste
di preghiera. Bill avrebbe voluto rispondere personalmente ad ogni
richiesta, ma non poteva; c’erano troppe lettere. D’altra parte, egli
non si sentiva di lasciare tutto il peso alla sua segretaria. Queste
persone gli avevano scritto chiedendo la sua preghiera. Che cosa
avrebbe potuto fare?
Bill trovò la sua risposta in Atti al capitolo 19, versetti 11 e 12: “Dio
intanto faceva miracoli straordinari per mezzo di Paolo; al punto che
si mettevano sopra i malati dei fazzoletti e dei grembiuli che erano
stati sul suo corpo, e le malattie scomparivano e gli spiriti maligni
uscivano”.
Bill pensò che Paolo potesse aver ottenuto quest’idea leggendo,
quando Eliseo diede il suo bastone al suo servo, ordinandogli di
stenderlo sul figlio morto della Sunnamita. Indipendentemente dalla
fonte, l’ispirazione di Paolo produsse risultati. Bill sapeva che, dal
momento che aveva funzionato millenovecento anni prima, avrebbe
funzionato anche ora. Dopo tutto, le guarigioni non provenivano
dall’apostolo Paolo ma procedevano dalla fede delle persone nel
Signore Gesù Cristo. I fazzoletti erano solo qualcosa di concreto sul
quale i credenti potevano concentrare la loro fede. Gesù Cristo era il
guaritore, allora, lo stesso come Lui lo è oggi.
Ora Bill sapeva cosa poteva fare per quelle migliaia di richieste di
preghiera. Come Paolo, anche lui avrebbe potuto pregare sopra
qualche pezzetto di stoffa e quel pezzetto di stoffa poteva essere il
suo sostituto. Provò ad acquistare fazzoletti in massa, ma quando
scoprì che gli sarebbero costati dieci centesimi al pezzo, respinse
l’idea come troppo dispendiosa. Poiché li avrebbe inviati
gratuitamente, voleva mantenere le sue spese al minimo possibile.
Per un po’ usò lenzuola, tagliandole in strisce per spedirle. Infine
159
decise per dei nastri. Comprò il nastro in grandi bobine, centinaia di
metri alla volta. Quando veniva a casa, tra un impegno e l’altro,
trascorreva ore a tagliare il nastro in pezzi da 10 cm, pregando su
ogni pezzo che tagliava. Più tardi la sua segretaria spediva questi
pezzi di stoffa sui quali aveva pregato per le persone, insieme alle
istruzioni, dicendo loro come ricevere la guarigione Divina credendo
alla Parola di Dio. Bill suggeriva alle persone di conservare il
pezzetto di stoffa nella Bibbia, attaccato accanto ad Atti capitolo 19.
In questo modo, se la malattia o un incidente accadeva alla loro
famiglia, sarebbe stato facile trovare la stoffa vicino ad una Scrittura
che avrebbe incoraggiato la loro fede.
Presto le lettere ritornarono indietro con testimonianze di miracoli e
guarigioni relative a queste stoffe di preghiera. Occasionalmente Bill
vide anche i risultati.
Una drammatica testimonianza proveniva da una donna che viveva
nel paese del cotone, nei paraggi di Camden, Arkansas. Mentre
puliva una lampada a cherosene, perse la presa della canna fumaria
di vetro che si ruppe sul tavolo, tagliandole l’arteria del braccio.
Avvolse il taglio con una federa, ma l’emorragia non si fermò. Provò
avvolgendolo con un lenzuolo. Il sangue continuava ad uscire. Suo
marito lavorava a Camden, il suo vicino più prossimo viveva a due
miglia di distanza; lei non aveva né auto e ne telefono; ed era sempre
più debole. Sapeva che stava per morire a meno che...
improvvisamente ricordò la stoffa di preghiera. Apri la sua Bibbia in
Atti 19, afferrò il nastro e lo posò sulla ferita. Immediatamente
l’emorragia si fermò. Quel pomeriggio camminò per 3 km in una
strada fangosa per prendere un autobus Greyhound per Little Rock,
Arkansas, a 160 km di distanza, dove Bill stava tenendo una
riunione. Con il fango ancora sui suoi stivali, entrò nell’assemblea
160
gridando le lodi a Gesù per un simile miracolo. Bill vide la ferita sul
braccio della donna e la stoffa di preghiera che aveva utilizzato. Non
una goccia di sangue aveva macchiato la stoffa di preghiera. Dio
aveva onorato la sua semplice fede.
QUESTO NUOVO DONO, di discernimento per visione, non mancò
mai d’essere preciso. Lasciava stupefatto il pubblico per la potenza e
la vicinanza di Dio. In quelle persone che credevano che Gesù Cristo
era effettivamente presente sulla piattaforma, operando il
discernimento, la fede si elevò alta tanto da credere che ogni cosa era
possibile.
Quando Bill tenne la sua prima riunione a Beaumont, Texas, il
grande teatro civico era affollato di persone. Mentre aspettava che la
terza persona della linea di preghiera avanzasse, Bill, vide due
uomini che trasportavano una barella nella navata vicino alla buca
dell’orchestra. Una coperta copriva l’uomo sulla barella. Bill notò
com’era rosso il viso dell’uomo. Improvvisamente una visione si
formò sopra la barella, la visione di un uomo che predicava dietro un
pulpito.
Additando la barella, Bill disse: “Signore, lei è un ministro del
Vangelo”.
L’uomo sollevò la testa. “Sì. Come lo sa”?
Bill non rispose immediatamente perché stava guardando qualcosa
svelarsi nella visione. Poi disse: “Sì, lei è un ministro – e circa
quattro anni fa, Dio vi ha detto di fare qualcosa che voi non avete
fatto. D’allora lei ha avuto solo guai e proprio ora è in ospedale con
un trapianto in una gamba”.
161
L’uomo dalla faccia rossa gridò: “Gesù, abbi pietà”! In quel
momento il Signore lo guarì.
Bill guardò lungo il muro per vedere chi era il prossimo. Donny
Branham stava aiutando una giovane donna a salire sulla piattaforma.
Dando di nuovo un’occhiata all’uomo dalla faccia rossa che era
appena stato guarito, Bill vide che l’angelo era ancora sospeso sopra
la barella. Bill lo guardò intensamente. Presto la luce si mosse verso
la buca dell’orchestra, dove decine di persone sedevano sulle sedie a
rotelle o distesi su barelle. Bill, teneva i suoi occhi sull’angelo del
Signore sapendo che ogni visione sarebbe venuta da quella luce.
Subito si fermò sopra un altro uomo disteso su una barella.
Immediatamente la sfera di luce si espanse in una visione. Bill vide
un impianto di perforazione petrolifera, nella prateria del Texas.
C’era un tecnico in alto sulla torre legato con una corda a doppio
nodo, in modo che egli potesse sollevare un pesante oggetto con
delle pulegge. Bill lo vide perdere il punto d’appoggio e precipitare a
terra.
“Lei, signore, laggiù nella barella”. Bill lo additò. “Lei lavorava nei
campi petroliferi, vero? Era un addetto ai ponteggi”.
“Sì, signore”, disse l’uomo. “Proprio così”.
“Circa quattro anni fa precipitò. La portarono in un ospedale e il suo
medico era un uomo alto dai capelli scuri. Sua moglie è una donna
bionda e avete due bambini piccoli. Vi vedo tutti insieme in ospedale
a parlare con il medico. Egli non è stato in grado di fare niente per lei
e da allora è rimasto paralizzato dalla vita in giù”.
L’uomo rispose: “Reverendo Branham! Non so come lei lo sappia,
ma è tutto vero. Che cosa devo fare”? Nello stesso momento, Bill
vide lo stesso uomo che indossava un vestito marrone, in aria sopra
162
la testa delle persone, dicendo: “Lode al Signore. Lode al Signore”.
Con la visione ancora in corso, Bill dichiarò: “Il Signore Gesù Cristo
vi ha guarito. Alzatevi in piedi”.
Nonostante i quattro anni di paralisi, egli si alzò, equilibrandosi un
momento sulle sue gambe traballanti, poi camminò fino alla navata,
lodando Gesù Cristo, suo guaritore. La folla ribolliva in adorazione.
Bill manteneva i suoi occhi su quella vita soprannaturale. Si
muoveva sopra la buca dell’orchestra, infine si fermò sopra una
giovane donna legata in una sedia a rotelle. Quando la visione si aprì,
Bill vide un’altra donna, che assomigliava alla donna nella sedia a
rotelle, ma abbastanza differente così che Bill riconobbe che non era
la stessa donna. Nella visione, quest’altra donna teneva un neonato
spastico avvolto in una coperta blu con una frangia bianca. Poi, la
visione sembrò ramificarsi in due direzioni, un ramo puntava ad una
vecchia donna seduta nel pubblico alcune file dietro alla donna in
carrozzina. Bill riconobbe che questa donna anziana era la giovane
madre della visione. Ora comprese. Indicando la donna sulla sedia a
rotelle, disse: “Giovinetta, non sei nata spastica”? La folla si azzittì
rapidamente per ascoltare lo svelarsi di questo nuovo dramma. “Sì”
lei rispose.
“Ho visto una visione di tua madre che ti teneva avvolta in una
coperta blu, quando eri una neonata, 25 anni fa. Sei stata sulla sedia a
rotelle per gli ultimi 17 anni. Dritto lassù siede tua madre, circa
quattro file indietro. Signora, non è questa sua figlia”? “Sì, signore”,
la donna anziana confermò. “Venite qua vicino a vostra figlia”.
Mentre la madre camminando con timore veniva verso il centro della
navata, sua figlia sulla sedia a rotelle chiese: “Fratello Branham, cosa
devo fare? Sono guarita”?
163
“Sorella, la sola cosa che conosco è ciò che ho visto nella visione. Se
né andata da me ora. Non posso dire niente, all’infuori di ciò che
Egli mi dice di dire”.
Poiché non poteva più vedere la Colonna di Fuoco nell’auditorio,
Bill prestò nuovamente attenzione alla linea di preghiera. Il prossimo
paziente stava ora accanto a lui. Era una bella giovane donna sui 20
anni, con lunghi capelli scuri che scendevano giù oltre le spalle.
Aveva l’aspetto di una santa di Dio. “Buona sera, sorella”. Bill prese
la sua mano destra nella sua sinistra. “Sento uno spirito sordo, ma le
vibrazioni non sono molto forti. Mi senti, sorella”? Sì, posso sentirvi.
Sono sorda in un orecchio. Sono così da molti anni”. “Questo lo
spiega. Credete voi che Gesù vi guarirà se lo chiedete a Lui”? “Con
tutto il mio cuore lo credo”.
Piegando il capo, Bill chiese la guarigione della donna. Era una
preghiera pacata, della natura con la quale lui pregava sempre.
Sapeva che Dio non rispondeva a rumorose emozioni; Egli
rispondeva alla fede nella sua Parola. Questa volta il demone non se
ne andò. Bill sentiva ancora pulsare quelle vibrazioni come una bassa
tensione elettrica. Egli pregò di nuovo. Il modello delle pustole
bianche, le quali indicavano la sordità, continuava a muoversi in tutta
la parte posteriore della sua mano sinistra gonfia.
“C’è qualcosa che non va, qui. Lo spirito sordo non vuole andarsene.
Bill guardò profondamente la giovane donna negli occhi.
Improvvisamente lei sembrò sfrecciare via dal palco e al suo posto
apparve la visione di una giovane ragazza con i capelli intrecciati.
Bill parlava, mentre osservava la visione svelarsi. “Quando avevi
quattordici anni, portavi i capelli in lunghe trecce legate alla fine con
nastri a scacchi. Questo fu all’incirca il tempo che hai preso una
strada sbagliata. Hai avuto un bambino da un uomo, prima di
sposarti”.
164
La donna si coprì il volto con le mani. “Proprio così, fratello
Branham”.
“Hai sposato un uomo che non amavi e così lo hai lasciato. Allora ti
sei coinvolta in un culto religioso e loro ti hanno fatto sposare un
altro uomo che non amavi. Così hai lasciato anche quello. E adesso
sei sposata con un altro uomo ancora”. Lei singhiozzò: “Ogni parola
è la verità”.
Bill continuò: “Tu una volta eri cristiana, poi sei caduta nel peccato
lontana da Dio.
“Proprio così” rispose affannosamente, barcollando come se dovesse
svenire.
Improvvisamente gridò. Non solo Dio ha perdonato i tuoi peccati,
Egli ha anche guarito il tuo orecchio ammalato.
Mentre la folla adorava Dio, l’attenzione di Bill fu attratta
nuovamente verso la buca dell’orchestra, dove la madre ora stava
accanto alla figlia spastica. Bill vide la luce in aria sopra di loro; un
attimo dopo vide una visione dove la vedeva uscire fuori dalla sedia
a rotelle. Doveva essere una visione perchè indossava un vestito
differente. Lui la vide camminare sopra le teste delle persone,
gridando, “grazie Dio! Grazie Dio”! Finché la visione svanì.
Bill indicò la donna spastica. “Sorella, Gesù Cristo il figlio di Dio, ha
udito le tue preghiere e ti ha guarito, alzati in piedi”. Lei si alzò. Sua
madre l’aiutò ad uscire dalla sedia a rotelle e voleva tenerla per il
braccio, ma la figlia non più spastica, si liberò dalla presa della
madre così da poter camminare da sola. Il pubblico si alzò come una
sola persona. La potenza di Dio si propagò in tutto l’edificio,
guarendo tutti coloro che avevano creduto. Bill guardava alcuni
gettare via i bastoni e le stampelle e altri alzarsi dalle sedie a rotelle.
165
Non c’era modo di sapere quante altre centinaia furono guarite da
disturbi che non avevano segni esteriori. Bill non aveva più bisogno
di continuare la linea di preghiera. Sembrava che non ci fosse
rimasto nessuno che avesse ancora bisogno di preghiere. “Questo”,
pensò. “È il modo in cui dovrebbe essere”.
Miracoli come questi evidenziano il fatto che la gente non ha da
venire lungo la linea di preghiera per ricevere la guarigione; hanno
bisogno di fede nelle promesse di Dio. Bill voleva che si suonasse il
suo inno ricorrente in ogni convegno:
Solo credi, solo credi,
Ogni cosa è possibile, solo credi…
Gesù è qui, Gesù è qui,
Tutto è possibile, Gesù è qui…
“Ricordatevi”, Bill diceva all’assemblea: “Questi doni non possono
guarirvi. E’ la vostra fede nelle promesse di Dio, che porta la
guarigione. Quello che questi doni vi possono fare, è aiutarvi a capire
che il soprannaturale Dio è qui per mantenere le sue promesse.
Amici, io credo che i giorni apostolici si stanno ripetendo davanti ai
nostri occhi. Credo che la venuta di Gesù Cristo sia sempre più
vicina. Credo nella letterale, fisica seconda venuta di Cristo. Credo
che abbiamo appena un breve periodo di tempo per operare. E credo
che questo risveglio universale, che si sta estendendo su tutta la terra
oggi, con tanta forza soprannaturale, è una convalida del messaggio:
Come fu ai giorni di Noè – le nazioni erano perse nel peccato e
destinate alla distruzione e Noè predicò il suo fanatico Vangelo,
chiamando la gente in un’arca di protezione. Credo che il Vangelo
del Figlio di Dio, che si manifesta con lo Spirito Santo, oggi sta
166
diffondendosi rapidamente sulla terra, sta chiamando il popolo
nell’arca di sicurezza, che è Gesù Cristo, il Signore”.